Prima CNN: McCarthy propone importanti concessioni dopo che la Camera si è aggiornata per il secondo giorno senza eleggere il relatore



Cnn

Dopo aver subito un’altra schiacciante sconfitta mercoledì, quando ha perso un sesto turno di votazioni per il presidente della Camera, Kevin McCarthy ha proposto ulteriori concessioni chiave nella sua spinta per 218 voti, incluso l’accordo di proporre una modifica delle regole che consentirebbe a un membro Richiesta di votazione per estromettere l’oratore in carica, secondo due fonti vicine alla questione.

La grande offerta arriva mentre McCarthy fatica a trovare una strada da percorrere, essendo stato rinviato fino alle 12:00 ET di giovedì.

La maggioranza della Camera GOP è bloccata in una controversa situazione di stallo tra l’opposizione a McCarthy da parte dei conservatori del caucus. La lotta iniziata il primo giorno del 118° Congresso, il DMK La nuova maggioranza del GOP alla Camera è allo sbando e ridotto l’agenda del partito.

La Camera continuerà a rimanere sospesa fino a quando la situazione di stallo non sarà risolta. La situazione è peggiorata per il futuro politico di McCarthy, poiché gli alleati repubblicani hanno iniziato a temere che il leader del GOP alla Camera potrebbe non essere in grado di portare a termine la sua scommessa per il portavoce se la lotta si trascina.

Non è chiaro se McCarthy ei suoi alleati saranno in grado di bloccare il voto – e mentre la lotta si trascina, il suo sforzo per la libertà di parola è peggiorato. Ma mercoledì ci sono stati segnali che i colloqui stavano progredendo.

L’ultima offerta di McCarthy sarebbe una vittoria significativa per i conservatori intransigenti, dopo che il Partito Repubblicano della California ha già proposto un limite di cinque membri. Questo è al di sotto delle attuali regole della convenzione che richiedono che metà del GOP chieda tale voto. Ma molti membri più moderati erano preoccupati di cedere all’estrema destra su questo argomento, poiché avrebbe potuto indebolire gli oratori e creare confusione tra i ranghi.

Tra le altre due concessioni, ha accettato di consentire a più membri del caucus indipendente nel potente Comitato per le regole della casa, che determina come e quando i progetti di legge vengono discussi, e di votare su una manciata di progetti di legge. Priorità per le resistenze, compresi i limiti di durata per l’adesione e la proposta di un piano di sicurezza delle frontiere.

Tuttavia, nulla è definitivo poiché i negoziati sono in corso. E fonti repubblicane dicono che anche se l’offerta di McCarthy venisse accettata, non gli darebbe i 218 voti di cui ha bisogno per diventare relatore. Sebbene queste concessioni abbiano attirato un nuovo sostegno, altri oppositori hanno sollevato varie preoccupazioni che devono ancora essere completamente affrontate.

La Camera si è aggiornata per diverse ore mentre i repubblicani hanno continuato a negoziare dopo il fallimento del voto di un oratore all’inizio della giornata.

Un rappresentante del Texas era tra i conservatori che hanno votato contro l’iniziativa di libertà di parola di McCarthy. Chip Roy ha detto ai leader del GOP che pensava di poter ottenere 10 resistenze se i negoziati in corso andassero a buon fine, secondo fonti del GOP che hanno familiarità con le discussioni interne. Ci sono altri detrattori disposti a votare “adesso”.

Fonti hanno affermato che i colloqui di mercoledì tra alleati e resistenze di McCarthy sono stati i più produttivi e intensi fino ad oggi. In segno di progresso, i super PAC affiliati a McCarthy hanno accettato di non giocare primarie repubblicane aperte in posti sicuri – una delle grandi richieste che i conservatori hanno fatto, ma McCarthy ha finora resistito.

“Abbiamo avuto più discussioni come corpo seduto lì negli ultimi due giorni che in quattro anni”, ha detto Roy mentre lasciava il Campidoglio mercoledì sera.

Tuttavia, anche se questi negoziati si rivelassero vincenti e 10 legislatori capovolgessero la colonna di McCarthy – il che è improbabile – non raggiungerà i 218 voti di McCarthy per ottenere la carica di relatore, quindi ha ancora molto lavoro da fare.

Il capogruppo della maggioranza alla Camera Tom Emmer ha dichiarato mercoledì sera che i negoziati sul prossimo oratore sono stati “molto costruttivi”.

“C’è un’intera appartenenza coinvolta in questo, e alcuni si sono seduti ora e parlano di quel dibattito e vedono dove vogliono andare dopo”, ha detto il repubblicano del Minnesota.

I repubblicani della Camera detengono 222 seggi nel nuovo Congresso, quindi per McCarthy raggiungere 218, può perdere solo quattro voti del GOP. Il suo ostacolo è che deve affrontare un piccolo ma determinato gruppo di conservatori intransigenti.

Il gruppo ha usato la sua influenza nella maggioranza repubblicana per ottenere concessioni. McCarthy ha già ceduto a molte delle loro richieste, incluso rendere più facile estromettere un oratore in carica, ma finora i suoi sforzi sono stati insufficienti.

La Camera si è riunita mercoledì per votare Tre turni di voto Il martedì. McCarthy è venuto meno ogni volta, non riuscendo a raggiungere la soglia di maggioranza necessaria per assicurarsi la carica di oratore.

Quando il voto è stato esteso martedì, la situazione è peggiorata con l’aumento del numero di voti contro la candidatura di McCarthy alla carica di oratore.

Il primo scrutinio per Speaker è stato 203 per McCarthy, con 19 repubblicani che hanno votato per altri candidati. Al secondo scrutinio, McCarthy aveva 203 voti e il rappresentante del GOP Jim Jordan dell’Ohio aveva 19 voti. McCarthy ha ricevuto 202 voti nel terzo turno di votazioni e 20 voti per la Giordania, Il rappresentante Byron Donalds si è unito ad altri 19 legislatori del GOP che hanno votato contro McCarthy nei primi due turni.

Era la prima volta dal 1923 che l’elezione a presidente andava a più scrutini.

“Il mio voto di ieri è stato fondamentalmente quello di sbloccare una situazione di stallo perché siamo stati in una situazione di stallo e non stiamo andando da nessuna parte”, ha detto mercoledì Donalds, un repubblicano della Florida, su “CNN This Morning”. “In questo momento, (McCarthy) non ha un percorso per arrivarci. Se si presenta di nuovo, sì, posso esserci, e va bene, ma ora è importante che i repubblicani si uniscano e trovino un modo per eleggere un relatore”.

Nel quarto turno di votazioni, 20 repubblicani hanno votato insieme per Donald, il gruppo spostando il proprio sostegno collettivo dalla Giordania a Donald. La rappresentante Victoria Sports dell’Indiana ha votato, riducendo il limite di McCarthy a 217.

Sparts ha detto alla CNN di averlo fatto perché voleva consentire ulteriori negoziati all’interno della conferenza per affrontare le preoccupazioni dei 20 membri.

Il conteggio finale per il quinto voto è stato ancora una volta di 201 voti per McCarthy, 20 voti per Donald e un voto attuale.

Il conteggio finale per il sesto scrutinio è stato lo stesso: 201 per McCarthy, 20 per Donald e un presente.

Trump sta osservando da vicino il movimento a Capitol Hill e il suo sostegno pubblico è un obiettivo chiave degli sforzi di McCarthy.

Gli alleati di McCarthy sono stati presi dal panico quando l’ex presidente ha chiesto a NBC News del suo sostegno a McCarthy martedì, hanno detto due fonti del GOP che hanno familiarità con la questione. L’ex presidente ha rifiutato di rilasciare una dichiarazione lunedì, ribadendo il suo appoggio a McCarthy nonostante gli sforzi dietro le quinte di diversi alleati di McCarthy per convincere Trump a farlo, hanno detto due delle fonti.

Uno stretto alleato di McCarthy ha quindi iniziato a lavorare dietro le quinte per svolgere il compito di pulizia e fare pressione su Trump affinché rilasciasse una dichiarazione che chiarisse il suo sostegno. McCarthy e Trump si sono successivamente collegati al telefono, dove McCarthy ha espresso il suo impegno a sostenere Trump. Trump ha dato un forte sostegno a Truth Social mercoledì mattina, implorando i repubblicani di “non trasformare una grande vittoria in una grande vittoria” e esortandoli a votare per McCarthy.

Sebbene la dichiarazione di Trump non abbia spostato l’ago tra i fedeli oppositori di McCarthy, una fonte ha affermato che McCarthy era preoccupato che il mondo fosse “debole” e che sembrava mostrare sostegno, quindi hanno ritenuto importante cambiare la narrazione.

Gates, uno dei repubblicani della Camera contrari alla candidatura di McCarthy a relatore, ha liquidato come “tragico” l’ultimo tentativo di Trump di aiutare il repubblicano della California.

“Non cambia la mia visione di McCarthy o Trump o il mio voto”, ha detto Getz in una dichiarazione a Fox News Digital mercoledì, poco dopo che Trump è venuto in difesa di McCarthy in un post di Truth Social.

Un fedele alleato di lunga data di Trump, il rifiuto di Getz di inchinarsi al desiderio di Trump per l’oratore di McCarthy solleva nuove domande sull’influenza calante dell’ex presidente sui repubblicani durante la sua terza campagna presidenziale.

“Se Matt Gates ti ignora, non è un buon segno”, ha detto un socio di Trump coinvolto nella campagna del 2024.

Trump ha fatto chiamate per conto di McCarthy nelle ultime 24 ore nel tentativo di rompere il blocco conservatore contro di lui, ma i suoi sforzi sono stati finora infruttuosi.

Un parlamentare che ha parlato con Trump martedì scorso ha suggerito che l’ex presidente si candidi lui stesso come oratore, ha detto una persona. Trump ha respinto e ha continuato a spingere l’uomo a sostenere McCarthy, dicendo che sarebbe stato un solido sostenitore di “America First”.

Questa storia e questo argomento sono stati aggiornati con ulteriori miglioramenti.

READ  La banca centrale alza di un quarto di punto e segnala un ulteriore avanzamento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *