Ogni pianeta del sistema solare sarà visibile mercoledì in una rara “parata planetaria”.

I pianeti del sistema solare sono stati allineati mercoledì nel cielo notturno, visibili dalla Terra, in quella che è nota come la “parata planetaria”.

L’evento, visibile anche martedì notte, ha reso Mercurio, Venerdì, Marte, Giove e Saturno meglio visibili agli osservatori del cielo ad occhio nudo. Con un binocolo o un binocolo si possono vedere Urano e Nettuno.

Una parata planetaria non è un evento molto raro: accade almeno ogni due anni. In realtà, l’allineamento degli otto pianeti è avvenuto per ultimo Giugno.

Per vedere l’evento, si consiglia di guardare a sud dopo il tramonto. Da est a ovest, i pianeti apparivano in questo ordine: Marte, Urano, Giove, Nettuno, Saturno, Mercurio, Venere.

“Le persone dovrebbero guardare a sud da 30 a 45 minuti dopo il tramonto”, afferma Wahey Peromian, professore di astronomia e fisica all’Università della California del Sud. “Giove, Saturno e Marte sono visibili da sud-est a est dopo il tramonto”.

Perumian ha dichiarato a CBS News che i pianeti possono apparire insieme nella stessa parte del cielo in cui orbitano intorno al sole.

“Mercurio completa un’orbita in 88 giorni e Venere in 225 giorni. I pianeti esterni si muovono molto lentamente: Giove impiega 12 anni per girare intorno al Sole, Saturno 29 anni”, ha detto. “Quindi, per quanto riguarda Giove e Saturno, a meno che non si trovino ai lati opposti del Sole dal nostro punto di vista, il resto dei pianeti finirà per allinearsi.”

Nettuno e Urano impiegano rispettivamente 165 e 84 anni per orbitare attorno al Sole nello stesso momento in cui sono visibili, un risultato importante.

Entrambi i pianeti “trascorrono una notevole quantità di tempo sui lati opposti del Sole dal nostro punto di vista”, ha detto Perumian.

READ  Putin invoca Stalingrado per predire la vittoria del 'nuovo nazismo' in Ucraina

Mercoledì notte, Urano e Nettuno erano relativamente vicini, ma poiché Urano orbita attorno al Sole due volte più velocemente di Nettuno, i pianeti sarebbero stati più distanti, ha detto.

Di conseguenza, “entrambi i pianeti non saranno visibili contemporaneamente nel cielo notturno per decenni”, ha aggiunto Perumian.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *