Basket

OLIMPIA MATERA - Riscatto riuscito: un super terzo quarto e Nardò va al tappeto. La cronaca

Roberto Chito
29.01.2020 23:35

L'esultanza dei biancoazzurri, FOTO: ROBERTO LINZALONE-OLIMPIAMATERA.IT

Se nel match d’andata il blackout nel terzo quarto aveva provocato un’incredibile sconfitta, questa sera è proprio il terzo quarto a sorridere all’Olimpia Matera. Lì, i biancoazzurri trovano gli spunti giusti per mandare al tappeto Nardò a portare a casa una vittoria importantissima dopo lo stop a Valmontone di domenica scorsa. E’ 64-51 per l’Olimpia Matera che porta a casa due punti e riprende la propria corsa.

PICCOLI STRASCICHI - Probabilmente, il ko di Valmontone qualcosa ha lasciato. Quantomeno inizialmente. Perchè Nardò parte subito forte, trovando un iniziale 7-5 che poi diventa addirittura 12-5 con i colpi di Coviello e la tripla di Peroni. Matera risponde con la gran tripla di Battaglia, poi Buono piazza il -2 e si divora il pareggio. Visentin e Peroni riportano avanti Nardò: è 16-12 per i salentini. Si riprende con diversi errori: soprattutto da tre. Poi Dip accorcia per i padroni di casa ma Burini ristabilisce il vantaggio, fino al nuovo -3 dei biancoazzurri. Nardò, però, torna subito a farsi sotto: Coviello e Burini trovano il 26-17 che non manda giù Matera che risponde con Dip che trova il 22-26. Coviello firma il +6 ma Battaglia, al riposo, manda i suoi in svantaggio di soli quattro punti.

LA SVOLTA - La strigliata di coach Origlio si fa sentire. Alla ripresa, la tripla di Battaglia firma il 27-28 che fa partire una nuova partita. Nardò, però, è sempre lì: Burini lo riporta avanti ma Mancini dalla lunetta trova il -2. Ci pensa Panzini a riportare i biancoazzurri in vantaggio. Poi Battaglia, dalla lunetta firma il +3, e a metà tempo piazza il +5 che diventa subito +6 per il tiro dalla lunetta a metà quarto. Dip e Staffieri segnano la svolta alla partita: il 40-30 è la sentenza che Matera lancia a Nardò che comunque non molla mai, risponde colpo su colpo ma per i biancoazzurri la strada è avviata.

ALLUNGO E GESTIONE - Nardò risponde con Cepic, ma Mancini sale in cattedra e porta Matera all’ultimo tempo sul 47-37: un +10 che confeziona un terzo quarto da +14 con una vittoria ormai in cassaforte. Dip, Staffieri e Mancini trovano il +16 in apertura di ultimo tempo. Nardò reagisce prima con la tripla di Burini, poi con Visentin che portano il divario ad undici punti. I biancoazzurri gestiscono al meglio il vantaggio, anche se i salentini non mollano un colpo.

IL FINALE - Doppia tripla di Panzini per il 59-42 per il +17. Nardò, accorcia con Burini prima e Azzaro poi. Matera che non rinuncia mai ad aumentare il vantaggio, fino al 64-51 che permette ai biancoazzurri di portare a casa una vittoria davvero importante per il morale e per la classifica che Matera secondo ma Salerno deve recuperare ancora una partita.

    

IL TABELLINO

MATERA-NARDO’ 64-51

PARZIALI: 12-16, 12-12, 23-9, 17-14

MATERA: Staffieri 7, Battaglia 18, Dip 13, Panzini 9, Mancini 13, Buono 2, Smorto 0, Antonaci 2. Non entrati: Antrops, Lopane e Centoducati. Coach: Origlio.

NARDO’: Bjelic 2, Coviello 7, Peroni 10, Burini 14, Azzaro 7, Capic 2, Fiusco 0, Visentin 9, Tyrtyshnyk 0. Non entrato: Ceppelluti. Coach: Quarta.

REALIZZATORI: Matera: 18 Battaglia, 13 Dip e Mancini. Nardò: 14 Burini e 10 Peroni.

NOTE: Due punti: 13 su 34 per Matera e 13 su 42 per Nardò. Tre punti: 9 su 28 per Matera e 5 su 20 per Nardò. Tiri liberi: 9 su 11 per Matera e 10 su 15 per Nardò. Assist: 15 totali di cui 6 di Buono per Matera e 10 totali di cui 5 di Burini per Nardò. Rimbalzi: 41 totali (7 offensivi e 34 difensivi) di cui 9 di Dip per Matera e 44 totali (11 offensivi e 33 difensivi) di cui 12 di Azzaro per Nardò. Falli Matera: 21 fatti e 15 subiti. Falli Nardò: 16 fatti e 20 subiti. Usciti per cinque falli: Mancini per Matera.

COPPA ITALIA SERIE C - Partipilo e Torromino: la Ternana vede la semifinale, Catania ko. La cronaca
OLIMPIA MATERA - Origlio: "Svolta trovata in difesa nella ripresa. Non ci siamo mai smarriti"