Tutto Calcio

SULLA RIPARTENZA - Spadafora: "Spero di mantenere la data stabilita. Serie A? La situazione"

Redazione TuttoMatera.com
16.04.2020 21:50

Il ministro allo sport Vincenzo Spadafora, FOTO: FONTE WEB

"Si parla tanto di ripartenza dello sport in questi giorni. Intanto la data che ho indicato sempre, il 4 maggio, la dovremo confermare ancora nei prossimi giorni, quando avremo la certezza che sarà possibile. È una data che spero di poter mantenere, che però riguarda esclusivamente gli allenamenti a porte chiuse". È il messaggio di Vincenzo Spadafora, ministro dello sport che attraverso il proprio profilo Facebook fa il punto della situazione.

SULLA STRADA: "Ora quello che dobbiamo fare è creare dei protocolli per mettere in sicurezza tutti gli sport e tutti coloro che vogliono riprendere a fare sport in sicurezza, anche in luoghi e contesti dove lo spazio è poco e non ci sono strutture che permettono di rispettare necessariamente tutte le regole".

SULLE AZIONI: "Dobbiamo inventarci delle formule, molte ce le state suggerendo anche voi, per cercare di contemplare l’esigenza sacrosanta della sicurezza per la salute di tutti quanto col fatto che si possa riprendere finalmente a fare sport a tutti i livelli".

SULLA RIPARTENZA: "Non parliamo soltanto di calcio e di Serie A. Le prossime settimane saranno fondamentali per capire come evolve la situazione sanitaria e per capire come, se e quando dovranno riprendere le competizioni sportive di ogni tipo".

SUI PROBLEMI: "La mia preoccupazione è la salute di tutti noi, per far sì che tutto il mondo dello sport non subisca danni irreparabili da questa crisi. Ce la stiamo mettendo tutta, abbiate fiducia del lavoro che stiamo facendo".

SUL MOMENTO: "Sicuramente individueremo il percorso migliore per far sì che, quando l’emergenza sarà finita, si possa tornare al proprio sport".

CORONAVIRUS - Basilicata, focolaio in una casa di riposo: salgono i nuovi contati. La situazione
CORONAVIRUS - Protezione Civile, il bollettino odierno: calano i decessi, aumentano i casi ma con più tamponi. La situazione