Le Parole

Cmb Matera - Nitti a tM.com: "Tanta fiducia dopo le due vittorie consecutive. Mantova forte, pronti a questo tipo di sfide"

Roberto Chito
11.01.2021 23:44

Lorenzo Nitti, FOTO: CMBFUTSALTEAM.IT

"Quella di domani sarà una prova fondamentale per noi. Sicuramente, dalla nostra abbiamo l’entusiasmo delle due vittorie consecutive che ci dà davvero tanta fiducia. Allo stesso tempo, però, sappiamo bene che ci aspetta una partita davvero difficilissima". Sono le parole di Lorenzo Nitti, tecnico del Cmb Matera che a TuttoMatera.com, come sempre, in ogni vigilia analizza gli aspetti della partita del giorno dopo.

SUGLI ASPETTI – "Sarà una partita molto complicata. Dalla nostra abbiamo sicuramente il vantaggio di giocare in casa oltre che delle due vittorie consecutive. Il Mantova, però, ha quello di aver riposato nell’ultimo weekend visto che non è sceso in campo. Per questo, loro arrivano molto più riposati di noi e sicuramente sarà una partita davvero dura".

SUL MANTOVA – "Hanno una squadra davvero forte. Probabilmente dal punto di vista fisico hanno la squadra più forte del campionato. Hanno anche grandissime doti tecniche come il serbo Petrovic che nell’uno contro uno è sicuramente uno dei migliori giocatori".

SULLA SQUADRA – "Stiamo bene anche se veniamo da una trasferta davvero lunga come quella di Genova, dove abbiamo viaggiato per 24 ore fra andata e ritorno. Purtroppo abbiamo lavorato sulla fase di recupero. Quest’anno, visto che si gioca praticamente sempre, è davvero difficile allenarsi o preparare partite. Ma il campionato di quest’anno è così, bisogna fare di necessità virtù".

SULLE ASSENZE – "Ovviamente recuperiamo Santos reduce dalla squalifica della scorsa settimana. Però, abbiamo sempre out Isi e Ramon per infortunio. La squadra ha un’identità chiara. I ragazzi, in campo vanno sempre per dare il massimo e sopperire alle tante assenze".

Cmb Matera - Cesaroni a tM.com: "Morale alto dopo le due vittorie. Momento? Si vince anche soffrendo quest'anno"
Calcio Lucano - Campionati, altra doccia fredda da parte del Governo? Con il prossimo Dpcm si rischia il collasso