Tutto Calcio

LA PENSIAMO COSI' - Governo, ora serve un Dpcm ad hoc: così è un teatrino davvero inutile

Roberto Chito
29.04.2020 16:55

Il pallone, FOTO: FONTE WEB

Di ora in ora, cresce sempre di più il fronte che non vuol far ripartire il calcio in Italia. E così è, perché il Governo non scende in campo con un decreto ad hoc e dichiara l’impossibilità di far riprendere tutti gli sport di squadra? Da Palazzo Chigi, di ora in ora non fanno altro che arrivare dichiarazioni circa la difficoltà di far riprendere il calcio. Se i vari protocolli sono risultati insufficienti e il comitato tecnico-scientifico ha espresso parere negativo sulla ripresa, perché il Governo non interviene?

Basterebbe un decreto ad hoc, come fatto in Olanda prima e in Francia poi per poter chiudere il discorso. Ovviamente, la Figc che conosce i problemi che creerebbe una chiusura anticipata dei campionati, vorrebbe scongiurare un estate bollente in tribunali con ricorsi e contro-ricorsi. Dunque, il Governo ha la grande occasione per fare chiarezza una volta per tutte, parlare in maniera chiara. Le dichiarazioni del ministro allo sport Spadafora non servono davvero a nulla. Parole che indicazioni una misura ben precisa da parte del Governo ma che scarica sulla Figc il problema di prendere una decisione.

Perché deve essere Via Gregorio Allegri a decretare lo stop? Ovviamente, se il Paese è nel caos e l’ultimo Dpcm del premier Conte ha aumentato i problemi, il calcio va di pari passo. Palazzo Chigi è contro la ripresa della Serie A, che comunque sarebbe l’unica a tornare in campo, insieme al comitato tecnico-scientifico. Posizione chiara. Che si faccia un decreto ad hoc e si chiuda questo teatrino davvero assurdo.

CORONAVIRUS - Basilicata, i numeri di oggi: zero casi, meno positivi e più guariti
CORONAVIRUS - Protezione Civile, il bollettino: salgono i guariti, calano ancora i ricoveri. La situazione