Primo Piano

ALLARME CORONAVIRUS - Il nuovo Decreto cambia lo scenario: le società materane sono in attesa ora

Roberto Chito
05.03.2020 15:55

Il centro sportivo Gaetano Scirea, FOTO: TUTTOMATERA.COM

Campionati sospesi o a porte chiuse. La decisione presa dal Governo ieri pomeriggio, interessa e non poco anche tutte le squadre materane impegnate nei loro campionati. Il Decreto firmato nella giornata di ieri, prevede la sospensione di manifestazioni pubbliche. Dunque, tradotto in altre parole: le partite dei vari campionati, di tutti gli sport, dovranno essere giocate necessariamente a porte chiuse.

Questo, per poter permettere a tutte le società di poter proseguire i propri campionato. Oppure, potrà essere presa la decisione di non scendere in campo fino al 3 aprile. Ovviamente, in questo momento le decisioni sono all’ordine di qualsiasi Federazione. Queste, potranno decidere se rinviare le varie competizioni nell’attesa dell’evoluzione della situazione epidermica, oppure se disporre le porte chiuse. Una situazione di emergenza che coinvolgerà anche tutte le altre componenti che in queste ore dovranno prendere una decisione in tal senso.

A cominciare dal calcio regionale: Prima e Seconda Categoria, infatti, sono davanti ad un bivio: disputare le ultime partite della stagione a porte chiuse, oppure aspettare l’evoluzione della situazione? Decisioni che saranno prese nelle prossime ore. Scenari che considerare anche per tutti gli altri sport. Come il basket: qui, però, l’Olimpia Matera aspetta le decisioni della Lega Nazionale Pallacanestro.

Questa, dovrà dare indicazioni anche sulla Coppa Italia che bisognava giocare a Ravenna in questo weekend. Si aspettano anche disposizioni per quanto riguarda volley e hockey su pista. Il Coronavirus cambierà il finale di stagione di diverse società, pronte a disputare le ultime partite a porti chiuse, o ad essere costrette al rinvio.

ESCLUSIVA - Chisena: "Prima battute per la nuova stagione. Mio futuro? Il desiderio"
OLIMPIA MATERA - Clamoroso: problema al Pala Sassi: il Comune ora deve rispondere