L'Approfondimento

Il Commento - Matera, che sfida per il Comune: chi sorride e chi no dopo il primo turno

Roberto Chito
23.09.2020 20:25

I Sassi di Matera, FOTO: TUTTOMATERA.COM

La ventata di fiducia che si respirava da qualche settimana in Città, si è tramutata in realtà. A Matera, il Movimento 5 Stelle ha sfondato. In controtendenza con l’andamento nazionale, nella Città dei Sassi il partito di Beppe Grillo ha trovato terreno fertile. Più di una semplice sensazione per chi vive la Città e ha sentito questa ventata diversa. Dunque, se si vuole fare una prima analisi, da queste elezioni comunali sono sicuramente i grillini ad uscirne a testa altissima.

Il candidato Domenico Bennardi è riuscito a fare un gran risultato e a chiudere solamente a 2,71 punti da Rocco Sassone. Il centrodestra, ha comunque ottenuto un ottimo risultato. Non era facile presentarsi con una persona che mai si era prestata ad un ruolo politico. Ha sicuramente influito la grande esperienza di Sassone, oltre alla sua carriera che parla con i fatti. Sicuramente, però, qualcuno si aspettava di chiudere questa tornata elettorale con un vantaggio sicuramente maggiore rispetto a quello attuale. Al ballottaggio, però, sarà una bella sfida. Adesso comincerà la vera campagna elettorale, con gli animi che inevitabilmente si accenderanno. Perché il Movimento 5 Stelle adesso credo davvero nella vittoria.

Perché? L’elettorato di sinistra può essere un ottimo allenato, oltre a quello delle liste civiche. Il Centrodestra, invece, deve riuscire ad uscire qualcosa dal cilindro per convincere coloro che al primo turno hanno votato altrove. Da questa tornata elettorale, chi esce sonoramente sconfitto è inevitabilmente il Centrosinistra. Che il Pd è il primo partito cittadino, lascia un po’ il tempo che trova. La percentuale di vantaggio da Forza Italia può essere paragonata a chicchi di sabbia. Le sfaldature interne di questi anni, perché la sconfitta nasce da lontano, si è tramutata in una batosta clamorosa che adesso il segretario Muscaridola deve prendere atto.

Ottimo, invece, il risultato di Pasquale Doria. Ottenere poco più del 10 per cento era un risultato quasi insperato alla vigilia per il giornalista materano che potrebbe essere il giusto ago della bilancia in vista del ballottaggio. Anche perché, le potenziali alleanze potranno fare la differenza. O forse no. Per esempio, quanto conviene al Movimenti 5 Stelle allearsi con la sinistra? Davvero poco.

Forse, meglio provare a vincere da soli, visto che non sembra impossibile. D’altra parte, il Centrodestra deve provare a vincere la partita che sembra essere più complicata: vincere l’elettorato che ha votato a sinistra e le liste civiche per prendersi Palazzo di Città. Sicuramente, lunedì 5 ottobre, la partita si risolverà all’ultimo voto.

Dalla Città - Matera, comunali: terminato lo spoglio. I numeri completi del primo turno
Grumentum - Rebus under: dopo Sciaraffa, un altro va via. Diverse valutazioni in corso