Basket

Olimpia Matera - Brunetti: "Tanta da migliorare ma c'è il tempo giusto. Tifosi? Mai come ora per vincere insieme"

Redazione TuttoMatera.com
22.10.2020 16:31

Luigi Brunetti, FOTO: OLIMPIAMATERA.IT-ROBERTO LINZALONE

"Abbiamo bisogno del calore dei nostri tifosi, mai come ora ed anche se saranno in pochi eletti a sostenerci. Insieme potremo fare grandi cose". Luigi Brunetti, uno dei volti nuovi dell’Olimpia Matera, chiama a raccolta il popolo biancazzurro in questo avvio di una stagione molto particolare che risente di un periodo difficile per l’intero paese.

SULL’INIZIO: "La Supercoppa, in un periodo in cui non si possono giocare amichevoli, è la competizione ideale per portare avanti un percorso di crescita, e poi siamo contenti di andare avanti e teniamo ad arrivare in fondo. Stiamo prestando attenzione alla condizione fisica e alla chimica di squadra in queste partite ufficiali e vere, e stiamo dando delle buone risposte a livello soprattutto fisico, considerato che veniamo fuori alla distanza nelle ultime frazioni, riuscendo a dare qualcosa in più quando gli avversari calano. Ovviamente c’è tanto da migliorare, ma i margini sono ampi e sono fiducioso che col tempo cresceremo".

SULLA SITUAZIONE: "Non è un momento facile per i tifosi e per noi sportivi, sembra di vivere in un limbo sia in allenamento che in partita. Viviamo una situazione non normale, alla giornata, ma ci stiamo mettendo il massimo per centrare gli obiettivi prefissati. Sono convinto che i tifosi capiscano e ci seguano con il consueto entusiasmo per gioire insieme dei nostri risultati".

SULLA CITTA’: "Questo è un gruppo super, ci stiamo amalgamando veramente bene, e sotto la guida del coach non stanno prevalendo le individualità, ma il gioco corale. Sono davvero contento di come stiamo crescendo, e la realtà di Matera è davvero bella da vivere giorno per giorno".

Dalla Città - Matera, ecco la giunta di Bennardi: è subito polemica attorno a tre nomi. Tutti gli incarichi
Covid-19 - Italia, il bollettino: aumentano contagi e terapia intensiva. E ci sono altri guariti. La situazione