Tutto Calcio

ALLARME CORONAVIRUS - Il Governo pronto a varare altre misure: per il calcio c'è una doppia possibilità. La situazione

Redazione TuttoMatera.com
04.03.2020 11:30

Palazzo Chigi, FOTO: FONTE WEB

"Evitare per 30 giorni manifestazioni, anche quelle sportive, che comportino l'affollamento di persone e il non rispetto della distanza di sicurezza di almeno un metro". È la proposta avanzata dal Comitato tecnico-scientifico che affianca il Governo sulle decisioni da prendere per controllare l’emergenza del Coronavirus.

Una proposta che è al vaglio del premier Giuseppe Conte che a questo punto potrebbe vedere l’Italia adottare le stesse misure che sono state prese in Svizzera dopo i primi casi: campionati sospesi. Nel nostro Paese, la proposta è di tre giorni, con una situazione da valutare di volta in volta. L’altra soluzione potrebbe essere quella di giocare a porte chiuse, visto il caos calendari che sta interessando la nostra Serie A. Un vero e proprio rebus con le misure prese finora che potrebbero farsi ancor più stringenti per quanto riguarda le manifestazioni sportive.

"Sulle manifestazioni sportive saranno attuate con forza misure di rarefazione sociale. Bisogna valutare se dare uno stop o farle giocare a porte chiuse", afferma il vice-ministro alla sanità Pierpaolo Sileri. Ore di decisioni che potrebbero cambiare il nostro calcio che da quindici giorni è nel caos totale. Potrebbe essere il Governo, integrando il Decreto di domenica sera ad imporre a club e Leghe una soluzione.

SERIE B - La ventisettesima giornata: corsa aperta per il secondo posto. Una partita a rischio rinvio: ecco la situazione
ESCLUSIVA - Sassi Matera, Contangelo ha preso una decisione dopo il nuovo richiamo