Le Notizie

Cdm Genova-Cmb Matera - Il primo tempo: avanti 2-0, ma quanto dominio finora

Redazione TuttoMatera.com
09.01.2021 17:16

L'esultanza di Well, FOTO: CMBFUTSALTEAM.IT

Bastano le reti di Well e Galliani per permettere al Cmb Matera di andare al riposo in vantaggio. È 2-0 per la squadra di Nitti che ha davvero dominato il primo tempo contro la Cdm Genova subendo davvero pochissimo.

VANTAGGIO E DOMINIO – Biancoazzurri che partono davvero molto bene affacciandosi subito nell’area avversaria. La prima occasione è sui piedi di Wilde che da ottima posizione si divora il pareggio. Uno a zero che però arriva al 3’17” con Cesaroni che ferma un pericoloso contropiede dei padroni di casa, fa tutto da solo e serve sui piedi di Well il più facile degli assist da stampare in rete. La risponde del Genova è davvero tardiva: ci provano Vega e Parente che comunque si trovano un ottimo Weber che risponde presente.

GENOVA RISPONDE – Il Cmb Matera, però, sfiora anche il raddoppio. Ci prova per ben due volte Pulvirenti che sfiora il due a zero. Prima con una conclusione a lato, poi con un’azione solitaria: il no è del palo. Pian piano, però, il Genova prende coraggio e ci prova con Joao Vitor e Parente che trovano comunque un ottimo Weber che dice di no. I liguri prendono possesso del campo ma la squadra di Nitti tiene comunque bene senza correre grandi rischi.

IL RADDOPPIO – Il Cmb Matera, però, prova sempre a colpire. Lo fa anche con Neto che ci prova con una violenta punizione da fuori: Lo Conte dice di no col piede. Ma al 13’08” arriva il due a zero. Altra ripartenza dei biancoazzurri: Wilde serve un perfetto assist a Galliani che buca la rete. La risposta del Genova, questa volta arriva con Molaro che ci prova per ben due volte: Weber è attento. Lombardo nel finale prova il tutto per tutto con Titon portiere di movimento ma di occasioni nella porta avversaria non ne arrivano.

Diretta Live - Cdm Genova-Cmb Matera 2-4: Cesaroni la chiude dopo tanti rischi nella ripresa. Rileggi il match
Cdm Genova-Cmb Matera - La ripresa: tanta fatica. Ci pensa Cesaroni nel finale