Tutto Calcio

REBUS CAMPIONATI - Bufera al via: l'Iss in tackle sulla ripresa del campionato. E ora?

Redazione TuttoMatera.com
14.04.2020 10:35

Giovanni Rezza dell'Iss, FOTO: FONTE WEB

"Il calcio è uno sport di contatto quindi comporta dei rischi di trasmissione. Se oggi dovessi dare un parere tecnico non sarei favorevole alla ripresa del campionato". A parlare è Giovanni Rezza, direttore del dipartimento malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità.

"Sento parlare di controlli da effettuare enne volte sui giocatori con test quasi quotidiani, a me sinceramente sembra un’ipotesi un po’ tirata. La mia è un’opinione personale, ma credo che il comitato tecnico-scientifico condivida questa posizione. Poi deciderà la politica", conclude Rezza. Apriti cielo: le due fazioni dal "a favore" e del "contro" si scatenano nel lunedì di Pasquetta. Nonostante ciò, la Figc va avanti per la propria squadra con un messaggio ben chiaro: "Tenersi pronti in caso di luce verde", il messaggio di Gabriele Gravina lanciato più volte.

La versione della scienza, però, è chiara. "Se i giocatori vengono sottoposti a test continui sulle suscettibilità alla malattia e vengono tenuti i distanziamenti necessari, che è difficile, è un’ipotesi. Si sta cercando di valutare il rischio e quali siano gli strumenti per eliminarlo". Polemiche che non si placheranno nel breve periodo con le diverse fazioni pronte a dire la propria in attesa del 3 maggio.

REBUS CAMPIONATI - Gravina: "Nessuna scadenza ma la priorità resta sempre una"
NAZIONALE - Mancini: "Europeo, ci saremo anche noi. Futuro? Questa la mia speranza"