Altre Notizie

DAL GOVERNO - Slitta il nuovo Dpcm: fase-due, il Governo si divide ma gli italiani chiedono liberà

Redazione TuttoMatera.com
26.04.2020 11:55

Palazzo Chigi, FOTO: FONTE WEB

Prima venerdì, poi sabato, infine domenica. Il nuovo Dpcm del premier Giuseppe Conte, sarà annunciato all’inizio della prossima settimana. Come mai questo slittamento? Il Governo, infatti, è abbastanza diviso su alcuni aspetti che porteranno l’Italia ad aprire la cosiddetta Fase-due. Varie riunioni, in queste ore, non sono bastate a risolvere il problema.

Da capire come avverranno gli spostamenti, se in una prima fase si potrà circolare solamente all’interno della propria Regione. Da capire, soprattutto, se il modulo dell’autocertificazione servirà per spostamenti esterni, oppure se varrà ancora. Conte ha assicurato un rallentamento delle attuali misure, anche se non sarà un liberi tutti. Assodato che bar e ristoranti non riapriranno a partire dal 4 maggio, c’è da capire come saranno disciplinati i trasporti. Regole ferree per tutti per evitare nuovi focolai. Metro, ferrovie e bus, saranno disciplinati in maniera diversa. Diversi punti da chiarire che hanno portato allo slittamento del nuovo Dpcm del premier Conte.

Entro la prossima settimana, però, dovrà essere tutto chiaro. Gli italiani, però, premono: dopo quasi tre mesi di lockdown sperano quantomeno di poter fare una passeggiata e uscire finalmente di casa. Per questo, Governo ed esperti sono chiamati a prendere delle decisioni importanti. Bene, evitare nuovi focolai, ma assicurare ai cittadini una maggiore libertà dopo mesi chiusi in casa per aver rispettato regole e restrizioni imposte.

DAL GOVERNO - Conte: "Più spostamenti con massima cautela. Fase-due? Ecco le prime novità"
CORONAVIRUS - Basilicata, i numeri di oggi: più uno nei positivi, aumentano i guariti. La situazione