Primo Piano

USD MATERA - Clamoroso davvero: festa rinviata per un regolamento fantasma e poco chiaro

Roberto Chito
01.03.2020 21:22

La formazione biancoazzurra, FOTO: SANDRO VEGLIA

Meglio così. Perché vincere sul campo è molto più bello di farlo sul divano. Alla fine, potrebbe cambiare poco ma è giusto dare le notizie con correttezza. Dopo l’annuncio dell’Usd Matera sulla propria pagina Facebook della matematica vittoria del campionato, sono cominciate alcune valutazioni. A cominciare dal regolamento. Oggi, con la sconfitta dell’Avis Burgentia ad Armento, il Matera avrebbe conquistato la matematica promozione in Prima Categoria.

Infatti, il vantaggio dalla formazione della città di Brienza è di dodici punti con quattro partite da giocare. E i biancoazzurri, avendo vinto entrambi gli scontri diretti avrebbero festeggiato la promozione. In un primo momento, è andata così. Perché la pagina ufficiale del club biancoazzurro ha subito dato l’annuncio. Stessa cosa hanno fatto giocatori e tecnici sui propri profili. Poi, però, alcuni addetti ai lavori che seguono da tempo i campionati regionali lucani hanno fermato i festeggiamenti, seppur virtuali. Infatti, nonostante i dodici punti di vantaggio, se il Matera arriva a pari punti contro l’Avis Burgentia al termine dell’ultimo giornata, non vincerà il campionato per via degli scontri diretti ma giocherà lo spareggio.

Sì, un’altra partita secca. Una vera e propria finale per vincere il campionato. Probabilmente non sarà questo il caso, perché i biancoazzurri, in quattro partite un punto lo dovrebbero sicuramente fare. Però, questa poca chiarezza non fa assolutamente bene. Infatti, sui documenti ufficiali della Figc Basilicata, non c’è un regolamento che parla del meccanismo promozione della Seconda Categoria. Purtroppo, questa poca chiarezza da parte di un organo istituzionale, non solo per questa situazione, ma anche per tante altre, deve essere migliorata. Parliamo pure di Seconda Categoria ma è sempre una competizione nazionale che merita il giusto rispetto, come lo meritano le società che ne fanno parte.

Una confusione che poteva essere evitata con un regolamento chiaro che non indichi solamente la prima classifica come vincitrice del torneo, ma dica anche come viene individuata questa squadra. Peccato, ma anche per fortuna. A questo punto, la festa vera e propria si farà dopo il triplice fischio di Usd Matera-Anzi domenica prossima. Il desiderio però, è che la Figc Basilicata possa chiarire tutti questi aspetti con comunicati chiari e significativi che vengano diffusi ad inizio stagione con la compilazione dei calendari.

SERIE C - Girone C, i match delle 17.30: il Bari non sbaglia. Al Potenza lo scontro diretto, harakiri della Ternana
SERIE A - La ventiseiesima giornata: Atalanta e Roma, botta e risposta. Caos rinvii: le polemiche non si placano