Basket

Olimpia Matera - Checchi: "Scelto il male minore. Futuro? Fra qualche anno diverso"

Roberto Chito
21.11.2020 20:20

Massimo Checchi, FOTO: ROBERTO LINZALONE-OLIMPIAMATERA.IT

"Quest’anno volevamo vincere, però purtroppo non è possibile. Alla fine, come società abbiamo preso la decisione di optare per quello che è il male minore. Infatti, ci era davvero impossibile poter sostenere questa stagione". Sono le parole di Massimo Checchi, mendo del cda dell’Olimpia Matera che durante la conferenza stampa di ieri ha fatto il punto della situazione in casa biancoazzurra dopo la brutta situazione che si è venuta a creare negli ultimi giorni.

SULLA DECISIONE: "L’abbiamo valutata in pochissime ore, visto il tempo rispetto che ci ha dato la Lnp per poter fare una scelta. Si tratta di una decisione che ci pesa come un macigno sul cuore. Non disputare questo campionato, per noi rappresenta il fallimento della nostra ragione di essere".

SULLA SQUADRA: "L’avevamo costruita di spessore per poter disputare un ottimo campionato".

SULLA SOCIETÁ: "Questo è un club completamente risanato dai debiti rispetto a quando lo abbiamo rilevato. Siamo una società che paga sempre in tempo, alcune volte anche in anticipo. Per disputare il campionato scorso abbiamo fatto davvero sacrifici. In quattro anni abbiamo fatto davvero delle grandi cose. Tutto questo, però, lo abbiamo fatto senza l’aiuto di nessuno".

SUI PROBLEMI: "La pandemia è un fattore esogeno ed imprevedibile. Ma anche senza questo problema, non è che in passato siano state rose e fiori. È dal 2017 che sono in questo club, ed abbiamo sempre fatto diversi appelli a tutti i soggetti. Per poter disputare un campionato professionistico di questo tipo servono davvero tanti soldi".

SUL PROGETTO: "Abbiamo sempre preferito fare le cose con gradualità, dando quello che potevamo dare per arrivare dopo potevamo arrivare e alla fine siamo arrivati dove potevamo arrivare. L’Olimpia è quella società che l’anno scorso è arrivata in Coppa Italia e che per diverso tempo è stata in vetta alla classifica del proprio Girone. Avremmo raggiunto grandi traguardi anche con la squadra che avevamo costruita per quest’anno. Sapevamo da soli che era più facile andare a prendere dieci giocatori dall’oratorio per poter ammortizzare i costi. In ogni caso avremmo ricevuto critiche".

SUL FUTURO: "Noi lavoreremo per farci trovare pronti quando riprenderanno i campionati. Aspettiamo la categoria che ci assegnerà la Fip in futuro. Credo che nel giro di qualche anno ci ritroveremo per fare delle conferenze stampe diverse. Noi, però, non possiamo rimpiangerci davvero nulla".

Serie C - Girone C, l'anticipo: Viterbese non pervenuta, è tutto facile per la Juve Stabia
Olimpia Matera - Lettera aperta del presidente Sassone: risposte dopo lo striscione di oggi