Tutto Calcio

CALCIO ITALIANO - Clamoroso: la Figc pensa ad una maxi rivoluzione. Ecco la proposta

Redazione TuttoMatera.com
05.05.2020 09:55

Il pallone, FOTO: FONTE WEB

Il calcio italiano vuole cambiare e nei prossimi giorni potrebbe essere discussa una proposta clamorosa. Secondo l’emittente Sportitalia, nel prossimo consiglio federale, la Figc potrebbe avanzare una proposta davvero clamorosa: ridurre le squadre professionistiche. Dalle cento attuali, si dovrebbe passare a circa sessanta. La grande rivoluzione, dovrebbe riguardare la Serie B. Infatti, la categoria dovrebbe passare da 60 a 40 squadre.

Come? Con due Gironi. Venti squadre che fanno parte dell’attuale torneo cadetto, dove non dovrebbero esserci retrocessioni. A queste, si aggiungerebbero altre squadre dell’attuale Serie C. Ovviamente tutte le prime, più altre da individuare secondo criteri ancora da stabilire. In questo modo, la Serie B avrebbe molti più soldi con la mutualità sua, più quella della Serie C. In terza serie, invece, cambierebbe tutto. Sarà un torneo non professionistico, da capire se si opterà per il semi-professionismo, oppure sarà del tutto dilettantistica.

Qui sono previste 40 squadre con due Gironi da 20 ciascuno. Ovviamente, ci saranno tutte le prime della quarta serie, ma non solo. Potrebbero essere individuate anche società che finalmente potrebbero vedersi passare di categoria dopo tanti sforzi economici negli ultimi anni. Poi, infine, la Serie D che non dovrebbe avere nessuna variazione quantomeno dal punto di vista del Gironi. La maggiore novità è che molte società che disputano l’Eccellenza potrebbero vedersi in quarta serie.

Anche qui, sono da stabilire diversi parametri. Una proposta che secondo Sportitalia sarà discussa nel prossimo consiglio federale. Il presidente Gravina, però, punta a rivoluzione il calcio italiano a partire dalla prossima stagione. Perché lo tsunami Coronavirus, lascerà sicuramente diversi strascichi soprattutto per quanto riguarda il futuro.

CORONAVIRUS - Basilicata, i numeri di oggi: un piccolo aumento nei positivi attuali
DALLA FIGC - Riforma campionati ancora aperta: e così il consiglio federale slitta