George Santos – Il Washington Post

Commento

Il repubblicano di Long Island George Santos, che ha vinto una gara chiave della Casa degli Stati Uniti a novembre, ha ammesso lunedì sera di aver abbellito il suo curriculum, cercando di spiegare le sue azioni dicendo in un’intervista radiofonica che “molte persone dicono troppo sui loro curriculum”.

Santos ha minimizzato il danno causato dalle sue affermazioni, sollevate per la prima volta sul New York Times storia La scorsa settimana, ha parlato brevemente di come la sua ricchezza sia aumentata negli ultimi anni fino a prestare centinaia di migliaia di dollari alla sua campagna.

Egli ha detto Città e Stato NY Dopo diversi lavori, ha avviato la sua azienda, “Ha funzionato perché avevo contatti e ho iniziato a fare molti soldi. Fondamentalmente stavo iniziando a creare ricchezza. E con ciò, ha aggiunto, “Ho deciso di investire nella mia corsa per Congresso. Non c’è niente di sbagliato in questo.” disse.

In un’intervista con la radio WABC di New York, Santos ha detto: “Mi dispiace se ho ingannato qualcuno con l’abbellimento del curriculum” e ha promesso: “Presterò giuramento. Presterò giuramento”.

Santos presentato Colloquio Lunedì al New York Post, che lo ha definito un “bugiardo” e lo ha citato dicendo: “Non sono un criminale”. In quell’intervista ha detto, contrariamente alla biografia della sua campagna, “non mi sono mai laureato in nessun istituto di istruzione superiore”.

La scorsa settimana, quindi Lo riferisce il New York Times Sebbene siano state sollevate domande sul fatto che Santos abbia inventato gran parte della sua biografia, l’avvocato di Santos ha affermato che il membro del Congresso è stato diffamato, ma non ha fornito dettagli. Santos ha affermato di aver lavorato presso Goldman Sachs e Citigroup, ha osservato il Times. I portavoce di entrambe le società hanno confermato a The Post di non avere alcuna traccia del suo impiego.

Durante un’intervista radiofonica di 11 minuti lunedì, Santos ha detto: “Il modo in cui si dice sul curriculum, il lavoro – non sono ‘on’ o ‘at’ o ‘in'”. Ha detto che ha imparato una lezione, ma che non significa “sono un personaggio immaginario”.

Quando Santos ha annunciato la sua offerta nel giugno 2021 Il 3° distretto di New York rappresenta un’area benestante della North Shore di Long Island, e ha promesso che alcuni candidati potrebbero candidarsi. Se eletto, lui disse In un video della campagna, promette: “Non prenderò mai uno stipendio”.

READ  La stagione dei conti si conclude con i partecipanti Tamar Hamlin

Ha prestato almeno $ 580.000 alla sua campagna e almeno $ 27.000 al suo gruppo di azione politica, secondo i documenti della Commissione elettorale federale che dimostrano che è ricco in modo indipendente. I prestiti hanno giocato un ruolo chiave nella sua vittoria a sorpresa e hanno contribuito a dare ai repubblicani una maggioranza ristretta alla Camera.

Nella sua prima offerta per la Camera, Santos ha dichiarato in una divulgazione finanziaria del 2020 di non avere beni o entrate guadagnate, citando solo commissioni per un valore superiore a $ 5.000.

Ma quando Santos ha depositato le sue dichiarazioni finanziarie del 2022, ha dichiarato di valere milioni di dollari, con la maggior parte dei beni provenienti da una società della Florida di cui era l’unico proprietario: la DeVoltor Organization.

Ad un certo punto, Santos Ha detto sul sito web della sua campagna Devolder era un’azienda familiare privata che gestiva un patrimonio di 80 milioni di dollari, successivamente liquidato.

I documenti depositati presso il Segretario di Stato della Florida mostrano che Santos ha organizzato la società nel maggio 2021, un mese prima di annunciare la sua ultima candidatura. Un anno dopo, il 30 luglio 2022, la società di dati finanziari Dun & Bradstreet ha stimato che i guadagni di Devolder fossero di $ 43.688.

Tale stima, che non era stata precedentemente divulgata, si basava sulla “modellazione” e sulla “scienza dei dati” di Dun & Bradstreet, ha dichiarato la società in una dichiarazione a The Post. In quanto società privata, Devolder non è tenuta a pubblicare rendiconti finanziari.

Tuttavia, il 6 settembre, quando Santos ha presentato la sua dichiarazione di divulgazione finanziaria al cancelliere della Camera degli Stati Uniti, ha affermato che l’organizzazione DeVoltor gli aveva dato milioni di dollari. Santos ha affermato che l’organizzazione DeVoltor gli ha pagato uno stipendio annuo di $ 750.000 per il 2021 e il 2022 e ha valutato l’azienda da $ 1 milione a $ 5 milioni.

Alla domanda in un’intervista radiofonica su un rapporto secondo cui aveva speso $ 700.000 per la sua campagna, ha risposto: “Quelli… i soldi che ho pagato tramite la mia compagnia, il sistema Devolter.”

I candidati devono presentare dichiarazioni accurate delle loro finanze al cancelliere della Camera. Se un candidato presenta consapevolmente un modulo falso, viola diverse leggi. Secondo all’apartitico Campaign Law Center.

Possono essere perseguite sanzioni civili o penali nei confronti di chi “falsifica consapevolmente e volontariamente” dichiarazioni di bilancio depositate presso il Procuratore Generale. Guida didattica dal Comitato Etico della Camera nel presentare tali rapporti. Secondo la guida, le multe possono arrivare fino a $ 250.000 e fino a cinque anni di carcere. La Camera potrebbe intraprendere “ulteriori azioni”, secondo la guida.

READ  Il rapporto della Corte Suprema degli Stati Uniti non riesce a trovare il colpevole nella fuga di notizie sulla sentenza sull'aborto

John Catsimatidis, proprietario di WABC e donatore della campagna di Santos, ha dichiarato durante l’intervista: “Quindi, in altre parole, hai gonfiato un po’ il tuo curriculum, ma non è criminale”.

“No, no”, ha risposto Santos. Successivamente ha attaccato i media per le sue affermazioni. “John, sai, ora viviamo in un mondo, ea quanto pare io sono un uomo chiuso che passa per gay.” Santos sembra specifico Un articolo sul Daily BeastI documenti di divorzio depositati due settimane prima che lanciasse la sua prima offerta per il Congresso nel 2020 indicano che era precedentemente sposato con una donna.

In una dichiarazione al The Post, il portavoce del New York Times Charlie Stadtlander ha affermato che il suo “rapporto accuratamente studiato e controllato dai fatti parla da solo. Sosteniamo senza riserve la sua pubblicazione.

Nel 2008, Santos ha dovuto affrontare accuse penali per frode sugli assegni mentre viveva in Brasile, di cui in seguito si è dichiarato colpevole. Lo ha riferito il Times, citando gli atti giudiziari di quel paese. Negli ultimi anni, ha affrontato due sfratti e ha perso una causa in un tribunale per controversie di modesta entità ed è stato condannato a pagare $ 5.000 più interessi dopo aver preso in prestito da un amico, ha detto il Times. Nel secondo articolo.

Ulteriori domande sono state sollevate sull’affermazione di origini ebraiche da parte di Santos. Nel video della sua campagna iniziale, ha definito New York City un “inferno del Terzo Mondo” e Santos ha detto: “I miei nonni sono sopravvissuti all’Olocausto”.

Santos ha parlato alla coalizione ebraica repubblicana il 19 novembre disse Suo nonno è fuggito dall’Ucraina in Belgio e successivamente è emigrato in Brasile. UN Rapporto Jewish Insider ha messo in dubbio tale affermazione la scorsa settimana, citando genealogisti che hanno affermato che la nonna e il nonno materni di Santos erano probabilmente brasiliani nativi. Un insider ebreo ha detto che il padre di Santos è nato in Brasile e ha radici angolane.

Alla domanda in un’intervista radiofonica se i suoi nonni fossero nati in Brasile, Santos ha risposto: “Per quanto ne so, per quanto ne so, no, non lo erano”. Ha detto al New York Post di essere “ovviamente cattolico”, ma che sua nonna era ebrea e si era convertita al cattolicesimo.

READ  Goldman sta per intraprendere il suo più grande giro di tagli di posti di lavoro

Un portavoce del Santos non ha risposto alle richieste di commento prima o dopo l’intervista radiofonica.

Robert Zimmerman, il candidato democratico che ha perso contro Santos nel generale di novembre ElezioneSantos ha detto a The Post che essere travisato sui suoi antenati ebrei e sulla sopravvivenza della sua famiglia nell’Olocausto era “spregevole e spregevole”.

“Il fatto che abbia usato l’atrocità e la tragedia – la morte di 6 milioni di ebrei – per il proprio guadagno personale riflette quanto sia inadatto a cariche pubbliche”, ha detto Zimmerman.

“Non ci sono scuse. Non ci sono equivoci”, ha detto Zimmerman lunedì prima che Santos commentasse. “Non è altro che un comportamento vile e spregevole” che “manipola e sfrutta tragedie inimmaginabili”.

Sul suo sito web, Santos ha dichiarato: “Dopo la laurea, George Anthony ha iniziato a lavorare come associato presso Citigroup ed è rapidamente passato a gestore patrimoniale associato nella divisione beni immobili dell’azienda”. “Poi gli è stata offerta una meravigliosa opportunità con Goldman Sachs, ma quello che pensava sarebbe stato l’apice della sua carriera non si è concretizzato come aveva sperato”, ha aggiunto.

Santos ha minimizzato qualsiasi danno derivante dalle sue esagerazioni. “Molte persone esagerano con il loro curriculum o lo distorcono un po’ o lodano se stesse”, ha detto Santos alla radio WABC. “Non sto dicendo che non ne sono colpevole, sto solo dicendo che ho fatto un ottimo lavoro nella mia vita”.

I repubblicani sono divisi su come gestire le dettagliate accuse contro Santos. Fred Zeidman, un donatore del GOP e membro del consiglio di amministrazione della Republican Jewish Coalition, ha detto che vorrebbe vedere una risposta da altri leader del GOP, come il leader della minoranza della Camera Kevin McCarthy della California o funzionari del Comitato nazionale repubblicano. Una portavoce di McCarthy non ha risposto a una richiesta di commento.

Zeidman, un ex presidente del Consiglio commemorativo dell’Olocausto degli Stati Uniti, ha detto di aver parlato con Santos all’incontro annuale della leadership dell’RJC a novembre, dove Santos ha evidenziato le sue pretese di origini ebraiche. A quel tempo, Zeidman rimase impressionato ma costernato dai rapporti che sollevavano domande sulla biografia di Santos.

“Sono davvero combattuto perché non vuoi cedere un seggio al Congresso a un repubblicano, e non sono sicuro che possiamo riconquistarlo. Ma certamente penso che la leadership repubblicana abbia l’obbligo di non far sedere qualcuno che è ovviamente un falso totale.

Alice Crites ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *