27 morti a Buffalo mentre la bufera di neve colpisce la parte occidentale di New York

Dave Bertola, portavoce di National Grid, ha dichiarato lunedì pomeriggio che 9.300 case e aziende erano ancora senza elettricità a Buffalo e altre 3.000 in altre parti della contea di Erie.

Gli sforzi per ripristinare l’energia elettrica sono stati ritardati a causa delle strade non asfaltate e della difficoltà di raggiungere linee elettriche basse e danneggiate, ha affermato. “La sfida più grande che abbiamo avuto è stata che la visibilità era scarsa e le strade non erano arate a causa delle forti nevicate”, ha detto. “Stiamo facendo il possibile per uscire da lì”.

Il portavoce della polizia dello Stato di New York, Beau Duffy, ha dichiarato che più di 100 membri della polizia di stato stanno utilizzando motoslitte e altri veicoli specializzati per ripulire le strade, raggiungere le auto bloccate e spostare i veicoli fuori strada per far fronte alla neve.

Cresciuto nei sobborghi di Buffalo, Mr. Polancars e Mrs. Hochul ha detto che la tempesta di questa settimana è stata la peggiore nella loro memoria. Entrambi sono stati, a volte, paragonabili alla bufera di neve della città del 1977, che ha ucciso 28 persone nello stato.

“Nessuno pensava che qui avremmo visto una bufera di neve peggiore di quella del ’77”, ha detto la signora Hochul, che aveva 18 anni al momento di quella tempesta monumentale. “Abbiamo fatto questa settimana.”

Sebbene Buffalo sia abituata a precipitazioni nevose significative, questo è stato per certi versi un anno record. Il mese scorso, una tempesta invernale ha fatto cadere una quantità record di neve sulla regione in 24 ore: 21,5 pollici, battendo il precedente record di 7,6 pollici.

READ  L'ex Papa Benedetto è "molto malato", afferma Papa Francesco

La signora Hochul ha affermato che nel momento in cui il cambiamento climatico stava rendendo le condizioni meteorologiche estreme più comuni, ha affermato che aveva bisogno di prendere precauzioni per prepararsi a tali tempeste. Lunedì, ha ammesso, “le tempeste storiche non sono più storia per noi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *