Primo Piano

Bocche cucite e tanto silenzio: Matera, cosa bolle in pentola adesso?

Roberto Chito
03.01.2019 17:30

Il presidente Rosario Lamberti, foto: Sandro Veglia

Continuano ad essere cucite le bocche in casa Matera. Dopo le indiscrezioni di queste ore, la società del presidente Rosario Lamberti non ha proferito parola. Nemmeno una semplice nota di facciata per poter smentire il tutto come da prassi. No, il silenzio continua e sembra essere tutto fermo. L’unica notizia, al momento, è quella del mancato arrivo di Alessandro Nuccilli come direttore generale.

Quest’ultimo, infatti, nel giorno di Natale era stato incaricato di uno dei ruoli più importanti all’interno del club. Però, poi, il 31 dicembre è arrivato il comunicato di smentita da parte del club che dichiarava che il ruolo di direttore generale, dopo l’addio del materano Michele Colucci era rimasto vuoto. Più che altro, da ieri i tifosi materani si aspettavano notizie in merito alla ricostruzione che il presidente Rosario Lamberti ha manifestato più volte: infatti, diverse volte ha dichiarato che non sentiva sua questa squadra perché questi giocatori non li aveva portati lui. Il braccio di ferro ha portato al far scendere in campo la formazione Berretti, con il Matera che in due scontri diretti ha rimediato due ko, vedendo la missione salvezza in salita.

Oggi, siamo al 3 gennaio, non si sa nulla sulla ripresa degli allenamenti. Perché i giocatori sono in sciopero e la scorsa settimana non si sono nemmeno allenati. Dunque, ci si aspettava novità importanti dal mercato con diversi giocatori pronti ad uscire, ed altrettanti pronti ad entrare. Poi, l’indiscrezione di questa cordata rappresentata da Tita Motolese e composta da diversi imprenditori interessata a rilevare la società dallo stesso Lamberti, non ha sortito nessuna risposta. Come si suol dire: solamente il tempo darà delle risposte anche se la pazienza dei materani comincia ad essere sempre meno.

Una nuova cordata tenta l'assalto al Matera? Sul tavolo di Lamberti sembra esserci una proposta
Casertana, parla il presidente D'Agostino: "Tante cose non mi sono piaciute: pronte delle novità. L'obiettivo? Raddrizzare questa classifica"