Le Altre

Il caos continua: Viterbese e Sicula Leonzio in tackle sulla Lega Pro: il motivo

Redazione TuttoMatera.com
13.09.2018 08:56

Il pallone della Serie C, foto: Fonte Web

Le polemiche non si placano. Anzi, aumentano e potrebbero portare a risvolti clamorosi. Nelle ultime ore, Viterbese e Sicula Leonzio si sono scagliate contro la Lega Pro, attaccando direttamente il presidente Gabriele Gravina e la sua governance. A pochi giorni dall’inizio del campionato, quella richiesta di collaborazione e comprensione, da parte di alcuni club è rimasta inascoltata.

La Viterbese, per voce del suo presidente Pietro Camilli ha minacciato il ritiro dal campionato. Il motivo? I gialloblu non vogliono essere inseriti nel Girone C. Il presidente dei laziali, sostiene che in questo modo sarà costretto a sobbarcarsi trasferte chilometriche. Camilli sostiene di avere ben quindici club nel raggio di 300 chilometri, e invece si vede costretto ad affrontarne altre di circa 1000 chilometri. Il proprietario della Viterbese ha dichiarato che non scenderà in campo nelle prime tre partite, in modo da essere esclusa. Campagna abbonamenti sospesa e giocatori rimandati a casa.

Dall’altra parte, invece, c’è il presidente della Sicula Leonzio, Leonardi che attacca la composizione del calendario. Il numero uno dei bianconeri sostiene che nelle prime giornate, i siciliani giocheranno diverse partite scomode, con trasferte tutte ravvicinate. E pensare che la prima giornata mette di fronte Viterbese-Sicula Leonzio: i due club, che in queste ore stanno protestando per diversi aspetti. Come si concluderà questa vicenda?

Commenti

Imbimbo: "Matera, adesso bisognerà lottare contro tutte. Boxing Day? Ecco cosa penso"
Tribuna, Laterali e Gradinata quanto costano? Matera, ecco i prezzi