Basket

BISCEGLIE-MATERA 64-47 - Gara due da incubo per l'Olimpia: al Pala Dolmen arriva un brutto ko: ora gara tre

Redazione TuttoMatera.com
02.05.2019 09:02

Una fase di Matera-Bisceglie, foto: Roberto Linzalone

Non bastano due partite, all'Olimpia Matera, per superare i quarti di finale dei Play Off di Serie B: infatti nella serata di mercoledì 1° maggio 2019, la gara 2 disputata al Pala Dolmen di Bisceglie è stata vinta dalla squadra locale con il punteggio di 64 a 47.

Il risultato neutralizza la vittoria dell'Olimpia al Palasassi, ottenuta domenica scorsa (74-73), e rende necessario ricorrere allo spareggio dei quarti, che si giocherà, ancora nel fortino materano, domenica prossima, 5 maggio 2019, con inizio alle 18.00. Nonostante la nutrita presenza di sostenitori pervenuti dalla Città dei Sassi, avvio di gara in salita per i biancoazzurri che tuttavia, dopo aver subito un passivo in doppia cifra (18-8) al settimo minuto, ritornano in partita a fine quarto con uno svantaggio di soli quattro punti (22-18). Ma nei successivi dieci minuti i locali prendono il sopravvento, prima contenendo il recupero di Matera che giunge a un solo punto di differenza, e poi riprendendo il controllo e rientrando negli spogliatoi con 36 punti a proprio favore contro i 25 dei lucani.

Nel terzo quarto quasi si materializza un ritorno di fiamma per l'Olimpia, che resiste alle numerose bordate avversarie e recupera buona parte del passivo riportandosi a sette lunghezze di distanza. Bisceglie riprende con ordine le redini dell'incontro, e vanifica il tentativo degli ospiti chiudendo la frazione con un parziale di sostanziale parità (18 a 17) e dodici punti di margine: 54-42. L'ultimo quarto di gioco vede i pugliesi amministrare con sicurezza il proprio vantaggio, che toccherà il massimo di 18 punti, diventati 17 al suono della sirena.

GIRONE C - Viterbese, si riparte da Rigoli: il presidente Camilli punta sull'ex Catania per il finale di stagione
SCIREA CUP - Quarti di finale, nessuna sorpresa: vanno avanti le big. Oggi le semifinali: in quattro sognano la finale