L'Intervista

ESCLUSIVA - Chisena: "In estate un colpo al cuore per tutti noi. Il trend? Importante, avanti così"

Roberto Chito
25.11.2019 14:50

Il tecnico-giocatore Tonio Chisena, FOTO: TUTTOMATERA.COM

"Per ogni materano quanto successo a febbraio prima e a luglio poi è stata una pugnalata al cuore. Ho sempre detto che Matera non merita né la Prima che la Seconda Categoria ma dovrebbe stazionare minimo in Serie C, per non dire la B. Però, è anche vero che bisogna guardare in faccia la realtà che purtroppo è questa. Da materano, insieme a tutta la società non possiamo che lavorare per un progetto serio, cercando di dare un contributo importante alla risalita del calcio nella nostra Città". Sono le parole di Tonio Chisena, tecnico-giocatore, oltre che direttore tecnico dell’Usd Matera che a TuttoMatera.com ha fatto il punto della situazione su questa prima parte di campionato.

SULLA PARTENZA: "Se ad inizio stagione mi avessero chiesto quale sarebbe stato l’obiettivo massimo di questo inizio di campionato non potevo che dire questo. Sono soddisfatto, le abbiamo vinte tutte in queste prime sei giornate. Un trend davvero importante, soprattutto meritato sul campo. Però, non dobbiamo abbassare la guardia. Soprattutto in vista di domenica, perché contro l’Anzi ci giochiamo davvero tanto. È vero che mancano tante partite alla fine, ma quella di domenica potrebbe significare tanto".

SUL GRUPPO: "Il nostro è un percorso importante, anche se per gli impegni di ciascuno non è mai facile allenarsi e lavorare insieme, tranne il giovedì quando riusciamo un po’ a fare il punto della situazione. La collaborazione da parte di ciascuno, però, c’è tutta. D’altronde, i risultati parlano e fanno capire come l’affiatamento di questo gruppo è davvero importante. Sono contento e soddisfatto di come vengono affrontate queste partite".

SUL MERCATO: "Probabilmente faremo due innesto. Uno in difesa, l’altro in attacco. Purtroppo dobbiamo fare a meno di Sefa che molto probabilmente per problemi personali ci lascerà. Ci affideremo ad una punta di ruolo. Poi, serve un difensore per poter rinfoltire il pacchetto arretrato, anche se sono davvero soddisfatto di coloro che hanno giocato finora".

SU FERRULLO: "Tra di noi c’è stima reciproca e una grande collaborazione su quella che deve essere la formazione della domenica. Per lui è il secondo anno da allenatore. Apprezzo la grande umiltà che ha, sta crescendo molto".

SUL PROGETTO: "È genuino, questo risalta a tutti. Tutto questo ci spinge a far meglio e a dare il massimo. Poi, oltre ai risultati sul campo pensiamo anche al sociale, cercando di stare vicino alla città e a far venire più famiglie a vederci. Adesso che avremo l’occasione per giocare più partite al XXI Settembre-Franco Salerno, speriamo di vedere più gente sulle tribune".

SULLE INIZIATIVE: "Per la partita del 22 dicembre che giocheremo allo stadio abbiamo in mente delle importanti iniziative che vedranno coinvolti i bambini. Vogliamo trasmettere anche un messaggio extra-calcistico che possa vedere la nostra società coinvolta".

SULLE ULTIME QUATTRO: "Vogliamo cercare di concludere il girone d’andata nel migliore dei modi. Ovviamente, il nostro obiettivo è quello di vincere tutte le partite. Però, siamo consapevoli che non sempre si può vincere, o non si riesce a farlo. L’importante è andare in campo sempre con la mentalità vincente che è la componente fondamentale che ti permette di vincere il campionato".

GIRONE C - Bisceglie, ufficiale: fine della corsa per Pochesci. Il tecnico romano paga un trend negativo
SERIE A - Emozioni e spettacolo al Via del Mare: nel finale il Lecce riacciuffa un Cagliari che perde la testa