Primo Piano

Dal vice Dugandzic alla partenza: Dammacco, solo un arrivederci?

Roberto Chito
01.02.2018 21:18

L'attaccante Getano Dammacco, foto: Giuseppe Scialla

La speranza è che sia semplicemente un arrivederci. Gaetano Dammacco lascia il Matera nell’ultimo giorno di mercato per poter intraprendere una nuova avventura. La punta barese, infatti, ieri sera ha firmato con l’Akragas. In Sicilia, c’è il tecnico Di Napoli che lo aspetta a braccia aperte, pronto a provare il miracolo salvezza, con i siciliani che devono cercare quantomeno di agguantare i play out.

SOLO UN ARRIVERDERCI? – Dammacco, è stata una delle piacevoli scoperte dei biancoazzurri di queste ultime stagioni. Un talento fatto in casa come si suol dire, cresciuto nella Berretti, in quella squadra guidata da Fabio Di Domenica che raggiunse importanti record. La formazione biancoazzurra, infatti, fu guidata dalla punta barese che a suon di gol portò i lucani ad un passo dalla qualificazione alla Final Eight dopo aver concluso il campionato al primo posto. Da lì lo sbarco in prima squadra, anche se l’esplosione di Dammacco non c’è ancora stata. Dal 2015 è in prima squadra, ma in due anni e mezzo ha giocato solamente 13 partite e realizzato una rete, la passata stagione a Caserta.

PERCHÉ LA CESSIONE? – Dammacco, però, nella serata di ieri sembrava in procinto di restare in biancoazzurro per poter svolgere il ruolo di vice Dugandzic. In quel modo sarebbe stata la prima alternativa alla prima punta, visto che in precedenza davanti si era trovato sempre due o tre pedine. Magari, le chance di poter incidere potevano aumentare, anche perché quest’anno, quando è stato impiegato ha dimostrato di poter far bene. Per questo, i motivi della sua cessione non sembrano essere ancora chiari. Ma la speranza è che possa essere un arrivederci.

IMPRESA DA COMPIERE – Per Dammacco, infatti, di fronte c’è una sfida davvero importante: cercare di salvare l’Akragas. Ma la situazione dei siciliani è davvero difficile, e i play out al momento sono una montagna da scalare. Ma il tecnico Di Napoli spera di giocarsi il tutto per tutto, anche grazie alle qualità di Dammacco che nella Città dei Templi potrebbe esplodere. Con Moreo e Minacori si giocherà il posto in ogni partita, perché nelle intenzioni della punta barese c’è quella di ritornare in biancoazzurro.

Commenti

Monopoli, fiducia ritrovata: dal mercato nuove frecce per Scienza
Dalla Reggina alla Reggina: Matera, un Girone senza un difensore