Gli Ex

Volume: "Matera, il motivo dell'addio. Mio bilancio positivo"

Roberto Chito
21.11.2018 13:15

L'ex ds Luigi Volume, foto: Emanuele Taccardi

"Sono stato mandato via in quanto si veniva da qualche sconfitta. Poi, la società aveva i suoi uomini e le sue idee, e legittimamente ha virato da un’altra parte". Sono le parole di Luigi Volume, ex direttore sportivo dei biancoazzurri ormai da qualche settimane. Le strade si sono separate poco dopo l’avventura della nuova società irpina.

E l’ex ds al portale Tuttomercatoweb.com, spiega l’avventura nella Città dei Sassi: "Inizialmente è stata dura perché tanti giocatori non erano convinti di sposare il progetto Matera. C’era incertezza sul futuro del club e neanche si sapeva se i biancoazzurri avessero partecipato o meno al campionato. Tuttavia, sono stato una costruire una squadra con un budget limitato, andando a prendere atleti motivati, magari di categoria inferiore ma che mi garantissero lealtà e attaccamento alla maglia senza pensare principalmente all’aspetto economico. Volevo elementi che si adattassero al contesto, laddove calciatori più importante avrebbero semmai sollevato problemi già sul pagamento mensile, senza aspettare la scadenza bimestrale".

Volume, poi, continua: "Il Matera, con otto punti e una partita in meno rispetto a Rieti e Bisceglie, oggi starebbe sopra Paganese e Viterbese e in piena lotta per la salvezza. Abbiamo sfruttato anche le valorizzazioni grazie a Milan e Torino. Si tratta di operazioni che ci hanno permesso di non pesare sulle casse della società. Il mio bilancio personale è positivo, lo dicono i numeri. Questa squadra, infatti, costruita con pochi spiccioli non ha mai sfigurato. Ho preso a cuore le sorti del Matera e spero possa salvarsi. Faccio un grande in bocca al lupo a Lamberti e a tutto l’ambiente".

Commenti

Casertana, problemi per Marcolini: ecco il motivo del no. Resta in sella Fontana, ancora per quanto? Il club valuta altre opzioni: ore decisive per la panchina
Siracusa, si pensa alla sfida di Matera: sarà uno scontro diretto per la salvezza. Intanto gli aretusei abbracciano il primo volto nuovo