Sala Stampa

Imbimbo: "Matera, ho la pancia vuota. Plasmati? Ecco le condizioni"

Roberto Chito
26.11.2018 15:50

Il tecnico Eduardo Imbimbo, foto: TuttoMatera.com

"Domani sono curioso di vedere all’opera la mia squadra. È un match point che abbiamo a disposizione e che dobbiamo sfruttare nella maniera migliore. Il nostro obiettivo è quello di fare punti, cercando di portarli a casa contro più squadra possibili. Questo è il punto fondamentale per poter cercare di colmare il gap". Chiaro il concetto di Eduardo Imbimbo alla vigilia della sfida che domani il Matera affronterà contro il Catania al XXI Settembre.

Il messaggio del tecnico dei biancoazzurri è abbastanza chiaro. Imbimbo si aspetta tanto dalla sua squadra domani pomeriggio: "Nelle ultime settimane ho visto una crescita costante da parte della squadra. Domani, da questo punto di vista, potrebbe essere un ulteriore step. Stiamo bene, il momento che stiamo attraversando è molto buono. Proprio per questo, non potevamo affrontare il Catania nel momento giusto. Meglio giocare domani rispetto a sette giorni. Infatti, provenivamo dalle scorie del derby e tornare in campo tre giorni dopo non penso che sarebbe stato così positivo. Non ci siamo sentiti di correre questo rischio. In un certo senso, è davvero sorprendendo questo momento che stiamo attraversando. È stato fatto un buon processo di crescita, anche dal punto di vista della mentalità".

I tre punti contro il Siracusa sono stati importanti. E un risultato positivo domani lo sarebbe ancor di più: "Visto che quando affrontiamo queste partite mi chiedete sempre se firmo per il pareggio, vi rispondo: io firmo solo per la vittoria. Al di là di tutto però, bisogna fare punti per poter continuare a competere per la salvezza. E la sfida contro il Catania deve entrare in questo contesto. Ovviamente, ci troveremo di fronte una squadra che è stata costruita per vincere, il cui valore non sto qui a sottolinearlo perché lo conoscono tutti. Io però, ho ancora la pancia vuota. L’ho detto subito ai ragazzi ieri. Non bisogna sentirsi sazi proprio ora ma continuare questo percorso che è davvero importante".

E da questo punto di vista, Imbimbo, fissa gli obiettivi per domani: "Al triplice fischio sarei contento se la squadra continuasse questo processo di crescita. Soprattutto se in campo vedrei meno errori rispetto alla partita precedente. Dobbiamo fare la prestazione giusta, cercando di commettere meno errori, perché contro queste squadre si viene puniti alla minima sbavatura. Sono però, consapevole del fatto che anche per gli avversari non è assolutamente facile affrontarci. Lo hanno detto e ripetuto più volte. Mi aspetto il giusto carattere, cercando di star bene in campo: il risultato migliore sarebbe un ulteriore crescita. E domani è un’occasione per migliorare".

Valore importante quello del Catania. Anche se gli etnei, finora, qualche partita l’hanno sbagliata. E anche contro la Reggina non sembrano essere stati irresistibili. E Imbimbo, commenta: "Hanno sofferto molto sabato sera. La Reggina non meritava assolutamente di perdere. Purtroppo, i calabresi son stati sfortunati, e soprattutto sono stati puniti da un errore. Sono sempre più dell’idea che quando affronti questo tipo di squadre serve ancor più concentrazione, perché in questo modo te la puoi giocare contro tutte. Il Catania ha un grande potenziale. Ma pensiamo a noi, e soprattutto a sfruttare questa occasione".

Il grande dubbio di giornata in casa Matera sono le condizioni di Plasmati. E su questo, Imbimbo è chiaro: "Nelle prossime ore valuteremo se potrà essere della partita. Soprattutto in che modo e per quanto tempo potrà essere impiegato. La prima cosa importante è che sia recuperato. Ovviamente, non correremo il rischio di rischiarlo in maniera inutile sapendo che c’è il rischio di perderlo. L’attacco? Ci sono menti del match dove servono determinate punte, soprattutto a seconda delle situazioni. Plasmati e Corado sono le uniche prime punte che intendiamo sfruttare bene".

In casa biancoazzurra, oggi, il grande ballottaggio è a centrocampo, soprattutto dopo il ritorno di Corso dalla squalifica: "Finalmente abbiamo un pacchetto che funziona bene. Ci sono giocatori che stanno dimostrando il loro valore. Alcuni dovevano crescere, e per farlo avevano bisogno di un po’ più di tempo. Oggi, abbiamo tanti centrocampisti che possono fare tutti bene. Sabato pomeriggio, chi è sceso in campo sia dall’inizio che a partita in corso lo ha dimostrato".

Commenti

Probabile formazione - Matera, dubbi in mezzo al campo e in attacco
Figc, il presidente Gravina vuole la svolta: norme più stringenti per l'iscrizione ai campionati. Questa la proposta lanciata