Primo Piano

Matera, scatta l'operazione ripartenza. Il piano di Tragni e Cifarelli: "Questa la strada da seguire"

Roberto Chito
01.03.2019 21:40

Una fase dell'incontro al Matera Club, foto: TuttoMatera.com

"I presupposti per poter ripartire dalla Serie D ci sono tutti. Dal punto di vista formale tutto è a posto per la ripartenza. Adesso, però, bisogna pensare dal punto di vista della sostanza. Bisogna ripartire con un progetto serio e con persone che possano dare delle giuste garanzie nel tempo". È in sintesi il discorso di Giuseppe Tragni e Roberto Cifarelli, fatto questa sera presso il Matera Club.

Hanno le idee chiare su come far ripartire il calcio a Matera l’assessore allo sport della Basilicata Roberto Cifarelli e l’assessore allo sport del Comune Giuseppe Tragni. Nell’incontro di questa sera con i tifosi biancoazzurri, si è fatto un primo punto della situazione su come far ripartire il calcio nella Città dei Sassi: "Dopo che l’attuale società sarà fallita, possiamo cominciare a partire con le manifestazioni d’interesse. È l’unico passo che l’amministrazione comunale può fare per poter assegnare a chi vincerà questa gara il titolo sportivo per poter far ripartire il calcio a Matera. Ovviamente, è aperto a tutti gli imprenditori che hanno un progetto, sia locali che nazionali. Anche perché, penso che il brand di Capitale Europea della Cultura sia lo spot più importante per il calcio che resta uno sport che crea maggiore interesse".

Un pensiero univoco, come anche l’esempio da seguire per la rinascita: "Vedete cosa sta facendo l’Olimpia Matera nel basket? Sempre campionati importanti ma senza fare il passo più lungo della gamba, sapendo qual è il limite da non superare. Sono anni che fanno basket nella nostra città. Per questo, senza andare troppo lontani credo che l’esempio da seguire sia proprio questo. Ripartire con una società che possa avere il giusto progetto e dare un futuro solido al calcio materano. Questo è il primo passo, credo anche fondamentale per poter ripartire. E il Comune sarà la parte garante di tutto questo".

La volontà di mettere in campo tutte le armi a disposizione per poter far ripartire il calcio materano ci sono tutte. Ancora una volta, l’assessore allo sport Giuseppe Tragni ha precisato che la nuova società uscirà tramite la manifestazione d’interesse che partirà non appena il club attuale sarà considerato fallito. Tutti passi che devono essere fatti entro i tempi giusti per i quali si sa già come agire. Insomma, la strada è tracciata. Ovviamente, siamo al punto di partenza.

Commenti

De Simone ci riprova ancora: partito l'assalto per un club del Girone C
Il XXI Settembre al centro del villaggio: un aspetto fondamentale?