Sala Stampa

Lamberti: "Pagina derby chiusa, ma una cosa sia chiara. Il momento? Obiettivo ben chiaro adesso"

Roberto Chito
21.11.2018 18:30

Il presidente Rosario Lamberti, foto: TuttoMatera.com

"Voglio fare alcune precisazioni prima di chiudere la vicenda inerente al derby contro il Potenza e pensare finalmente al prosieguo del nostro cammino. Una cosa, però, deve essere chiara a tutti: i tifosi del Matera non vanno mai toccati". Messaggio chiarissimo, quello del presidente Rosario Lamberti che nella consueta conferenza stampa di metà settimana fa il punto della situazione su varie tematiche.

E dunque, non si può che cominciare dagli strascichi post derby: "Ci sono molti punti oscuri in questa vicenda. A cominciare dalla lettera di risarcimento danni che ci è stata inviata, quantificata dai cinquemila ai novemila euro. Strano che un assessore del Comune di Potenza ha smentito la società, dicendo che i danni non erano stati ancora quantificati. Al contrario di quanto è stato detto, noi da Matera abbiamo portato quindici steward. C’è da dire che quelli potentini si sono presentati con sciarpe rossoblu, quando invece si deve svolgere un servizio di sicurezza. E ora veniamo al punto cruciale. I tifosi del Matera sono ripartiti oltre la mezzanotte perché sono stati ostacolati da quelli potentini che hanno bloccato tutte le vie per far sì che questi ultimi andassero via. In tutto questo, il sopralluogo non è stato mai fatto al settore ospiti. Ghirelli? Dopo la mia lettera non l’ho sentito. Però, spero che il prima possibile ci possa essere un incontro con lui. Tra l’altro, il Matera ha contributo alla sua elezione. È una figura che stimiamo ma non abbiamo condiviso le due lettere fatte prima e dopo il derby. Strano che anche i tifosi della Carrarese hanno danneggiato i servigi igienici e non è stata fatta nessuna nota per condannarli. Ripeto: i nostri tifosi non si toccano perché sono stati fin troppo civili a non rispondere alle provocazioni e ad aspettare oltre un’ora e mezzo all’interno dello stadio".

E ora, finalmente, si può tornare a parlare di calcio. Cominciando proprio dall’ottima prova offerta a Potenza: "Abbiamo fatto una grandissima partita. È stato un match equilibrato dove siamo riusciti a fare molto bene. Complimenti al nostro allenatore che è riuscito a trovato la tattica giusta per portare a casa un risultato davvero importante. La considero come una vittoria. Siamo stati bravi in campo, non rispondendo alle provocazioni degli avversari. È un pareggio che ci dà tantissimo, oltre che a tornare a zero. In questo senso, sarà fondamentale la sfida contro il Siracusa e quella di tre giorni dopo contro il Catania. La squadra, in questo momento sta bene. Credo che abbia trovato le giuste alchimie, per questo intervenire sul mercato, dopo questi quattro punti conquistati potrebbe destabilizzare la nostra squadra".

Contro il Siracusa, però, il campionato del Matera può finalmente cominciare: "Purtroppo è già cominciato da diverso tempo. Abbiamo compiuto l’impresa di recuperare il gap, azzerando la penalizzazione in sole due partite. Speriamo che contro il Siracusa si possa riprendere quel cammino che deve portarci necessariamente alla conquista della salvezza. Puntiamo in alto per poter raggiungere l’obiettivo minimo che è mantenere la categoria. Per questo, dobbiamo fare un campionato da play off per raggiungere la salvezza. Speriamo che la squadra che ora è finalmente serena possa raggiungere questo obiettivo".

Infine, il massimo dirigente biancoazzurro, si lascia andare ad una valutazione sulla squadra: "Finora, devo dire che a deludere maggiormente è stato qualche over. Infatti, qualche giocatore più esperto è venuto meno. Al contrario degli under. Devo dire che mi stanno impressionando in positivo e che di partita in partita stanno facendo sempre meglio. Il mercato? Credo che dovremmo aspettare gennaio visto che qualche giocatore al quale abbiamo richiesto la rescissione non ha risposto in maniera positiva".

Commenti

La famiglia del Bue si allarga? Lamberti porta un ex attaccante
L'analisi - Nazionale, dentro l'Italia di Mancini: tutto è cambiato in un anno. L'azzurro torna a risplendere ma il cammino è ancora lungo