News

Matera-Stendardo, c'è la replica dell'avvocato. Ora è botta e risposta

Roberto Chito
19.12.2018 13:00

L'avvocato Guglielmo Stendardo, foto: Fonte Web

"È doveroso da parte mia ribadire di non essere assolutamente l’avvocato difensore di Luigi Volume, rappresentato dal noto penalista Natale Aniello". Botta e risposta fra Rosario Lamberti e Guglielmo Stendardo. Questa mattina, l’avvocato e fratello del difensore del Matera, ha deciso di rispondere al numero uno del club biancoazzurro attraverso un comunicato.

L’avvocato poi, ci tiene a precisare che: "Se proprio avessi dovuto difendere qualcuno, quello sarebbe stato mio fratello Mariano che, tra L’altro non ha ancora ricevuto gli emolumenti da novembre 2017 a giugno 2018 con immaginabili disagi familiari e personali. Cosa che non ho ancora fatto in rispetto del Calcio Matera. Pertanto disconosco fermamente ogni documento che non perviene dal sottoscritto. Sperando che questo mio chiarimento possa servire a ridare la serenità dovuta all’ intero ambiente in modo tale che la Società possa provvedere alla sua totale sistemazione e proseguire con lo stesso impegno dimostrato anche nell’ ultima partita di campionato con sempre maggiori successi".

In ogni caso, la richiesta di risarcimento danni inviata tramite Pec al Matera Calcio, oltre che dall’avvocato Aniello Natale, è stata firmata anche da Guglielmo Stendardo, fratello del difensore del Matera. A parlare sono soprattutto i documenti che chiariscono ogni aspetto. Da questo punto di vista, perché l’avvocato Stendardo non prende le distanze e denuncia l’accaduto? È da qualche tempo che il nome del Matera Calcio viene tirato in ballo in diverse vicende.

   

IL DOCUMENTO INVIATO AL MATERA CALCIO

Commenti

Non passa la linea di Ghirelli: il Consiglio Federale si spacca. Il presidente: "Proposta non condivisa. Serie C, ecco promozioni e retrocessioni"
Querelle senza fine: il Matera risponde a Stendardo. Ecco la nota