Primo Piano

Operazione rinascita: Matera, partono i primi contatti. La situazione

Roberto Chito
14.02.2019 15:40

La maglia dei biancoazzurri, foto: Sandro Veglia

Qualcosa comincia a muoversi. In realtà, si muoveva già prima. Nonostante il Matera doveva essere ancora escluso dal campionato, già si cominciava a parlare del futuro. La fine, infatti, era stata già annunciata. E in questo momento, si può davvero affrontare il discorso. Dopo l’esclusione dalla Serie C, il Matera è pronto a ripartire. Purtroppo, bisognerà aspettare la prossima estate per parlare di calcio.

Qualcosa però, comincia a muoversi. Infatti, secondo indiscrezioni raccolte da TuttoMatera.com in queste ore, pare che una prima idea per far riaccendere i riflettori dello stadio XXI Settembre-Franco Salerno già c’è. Infatti, a muoversi in prima persona è stato Roberto Cifarelli, assessore allo sport della regione Basilicata, nonché materano doc. Sembra che siano stati già individuati sei imprenditori di Matera e Provincia, pronti a aderire al progetto per poter far ripartire il calcio biancoazzurro dalla Serie D. Infatti, l’idea di Cifarelli è quella di formare una cordata che possa portare ad una società forte e che possa durare nel tempo. Un primo contatto fra il Comune di Matera, con il sindaco Raffaello de Ruggieri e l’assessore allo sport Giuseppe Tragni, sembra già esserci stato.

In questo momento, se c’è una cosa che ruota a favore di tutti è il tempo. Quello che era mancato in estate per cercare di mettere insieme la cosiddetta cordata locale, pronta rilevare la società da Saverio Columella. Con il tempo, però, si è capito che la Ss Matera Calcio era piena di debiti e vista la pesante penalizzazione e i vari problemi economici, acquisire il club in quel momento era davvero impossibile. Così per poter ripartire dalla Serie D, l’assessore Roberto Cifarelli è sceso in campo in prima persona e al momento ha trovato la disponibilità di sei imprenditori locali, pronti a formare una cordata. Infatti, l’idea sembra essere quella di formare una società forte e solida, senza far svenare un’unica persona.

I questa società, dovrebbe esserci anche la rappresentanza di tifosi, che possano davvero verificare come si evolvono le cose. Il tempo, però, darà le giuste risposte. Solamente ieri il Matera è stato escluso dal campionato ma già da qualche settimana si parla di futuro. Anche perché, rinascere è l’unica cosa che interessa al popolo biancoazzurro. E il primo mattone per permettere al XXI Settembre-Franco Salerno di far riaprire le proprie porte, già c’è. Poi, il tempo dirà come si saranno evolute le cose.

Lamberti: "Ghirelli conferma la mia tesi. Tutti ingannati da questa storia"
Girone C, il primo posticipo - Al Siracusa basta Souare: blitz dal sapore di salvezza a Rende. Biancorossi in crisi. La cronaca