Sala Stampa

Corado: "Matera, pensare a noi. Il gol? Arriverà, ora sto bene"

Redazione TuttoMatera.com
29.11.2018 13:55

L'attaccante Gaston Ezequiel Corado, foto: Sandro Veglia

"Contro il Catania abbiamo dato un’altra bella risposta. Gli errori si commettono sempre e bisogna lavorare per ridurli. Nel primo tempo abbiamo fatto bene. Siamo passati in svantaggio per un errore. Chissà come sarebbero andate le cose se saremmo andati nello spogliatoio sullo zero a zero". È il commento di Gaston Corado, che questa mattina, in conferenza stampa ha fatto il punto della situazione in casa biancoazzurra.

Corado, dopo una stagione difficile e un inizio complicato, vuole cercare di tornar sui livelli passati, cercando di ritornare a far gol: "Per un attaccante è un aspetto fondamentale, perché il suo pane quotidiano. Nel corso degli anni ho imparato a convivere con il fatto che non si può sempre andare in rete. Dalla partita di Trapani però, ho azzerato tutto e mi sono posto l’obiettivo di cominciare da zero. Ho avuto diverse opportunità per mettermi in mostra e cercherò di sfruttare ogni singola occasione per fare sempre del mio meglio. L’obiettivo personale? Andare in doppia cifra. Oggi sembra difficile perché ancora non ho realizzato nessun gol. Però, sono convinto che se arriva il primo, subito dopo arrivano gli altri. Nel breve periodo vorrei sbloccarmi. Però, per me, la cosa fondamentale era tornare al top per quanto riguarda la condizione fisica. Martedì poi, dopo diverso tempo ho giocato una partita intera. Ora aspetto il gol. Non solo per me. Anche e soprattutto per la squadra. Perché se arrivano, contribuisco all’obiettivo salvezza".

Un obiettivo che il Matera deve contendersi contro altre avversarie. E Corado, le individua: "Dovremmo lottare contro Paganese, Rieti, Cavese, Reggina e Bisceglie. Però, manca tantissimo alla fine, ci sono tante partite nelle quali fare punti. Pertanto, oggi, la classifica è relativa. Noi senza la penalizzazione di otto punti eravamo a quota undici, nel gruppone con tutte le altre. Però, più che alle dirette concorrenti dobbiamo pensare a noi stessi con l’obiettivo di portare a casa punti. Dobbiamo continuare in questo modo, pensando partita per partita. Sono tutte finali con l’obiettivo di ottenere i tre punti, ma sapendo che se non ci riusciamo anche il pareggio è un risultato positivo e non deve scapparci".

Prima del ko contro il Catania, il Matera veniva da un periodo positivo, nel quale, qualcosa era cambiato: "È cambiato tanto, abbiamo acquisito delle nuove consapevolezze. Ora siamo tutti più tranquilli e fiduciosi. Dopo cinque sconfitte consecutive, però, per qualsiasi squadra è difficile ripartire. Oggi, anche il ko contro il Catania non cambia niente. Abbiamo le nostre consapevolezze che restano immutate. Ce la possiamo giocare contro tutte, nonostante abbiamo solo tre punti. La forza mentale è importante".

L’infortunio di Orlando potrebbe dar vita alla coppia Corado-Plasmati, nonostante i due siano entrambe prime punte: "Possiamo giocare insieme senza problemi. Siamo simili ma possiamo coesistere. Sarà importante l’organizzazione. Infatti, uno dei due deve cercare di stare sempre in area, mentre l’altro deve sacrificarsi un po’ di più. Una soluzione che abbiamo provato anche in allenamento".

Commenti

Monopoli, parla Maimone: "Domenica per continuare il buon momento. Il Matera? Ricordi positivi nonostante la situazione difficile"
Genovese: "Lamberti crede nel progetto Matera. Mercato? Idee chiare su come muoverci"