Il Tema

Difensori - Fra pronti rilanci e nuove scommesse: serve altro?

Roberto Chito
15.08.2018 18:50

Il difensore Mariano Stendardo, foto: Emanuele Taccardi

Dovrebbe essere la stagione del riscatto di Stendardo. Il centrale napoletano dopo una stagione da incubo condizionata da problemi fisici e astio con la vecchia società, vuole ricominciare da dove ha lasciato. Quasi un anno fa la sua ultima partita con il Matera. Esattamente il 16 settembre, a Reggio Calabria. Poi, tanti problemi e un nuovo inizio.

Su questo, il ds Volume è stato chiaro: "Conto su Stendardo, è un mio uomo e che soprattutto ha voglia di rilancio". Sarà proprio l’ex Savoia, Taranto e Fidelis Andria, il baluardo di una difesa giovanissima e completamente rivoluzionata rispetto la scorsa stagione. L’altro esperto è Giacomo Risaliti che dopo le avventure con Lucchese e Pontedera è pronto a dire la sua anche in biancoazzurro. Il tridente della retroguardia biancoazzurra potrebbe essere completato da Luigi Dinielli. Di lui se ne parla un gran bene anche se proviene da una serie di problemi fisici e un brutto infortunio che ormai sembra essere alle spalle.

A completare la difesa poi, ci sono anche Antonio Arpino e Carmine Sgambati. Anche loro provenienti dalla Serie D e propri a giocarsi questa occasione nel migliore dei modi. Una scelta del ds Volume ben precisa. Non si escludono però, altri innesti. Al momento, le pedine sono cinque. Pertanto non è escluso un sesto.

Commenti

Portieri - Fra esperienza e gioventù, le gerarchie sono ormai fatte?
Centrocampisti - Al centro serve qualcosa? E sugli esterni si vola