Serie C News

Evitare altri casi Modena, Matera e Pro Piacenza: le cinque nuove norme della Figc sono una rivoluzione

Redazione TuttoMatera.com
19.02.2019 18:25

La sede della Figc, foto: Fonte Web

Evitare nuovi casi come quelli che si sono verificati con il Modena la scorsa stagione e con Matera e Pro Piacenza in quella attuale.

Proprio per questo, per correre ai ripari, la Figc, attraverso il presidente Gabriele Gravina ha deciso di mettere in campo alcune norme che possano evitare casi di questo tipo. Dal blocco del mercato, all’esclusione a campionato in corso.

Norme più stringenti però, riguardando anche i pagamenti e le garanzie da presentare al momento dell’iscrizione.

  

LE NUOVE NORME

Esclusione dai campionati: Dalla prossima stagione sportiva, in caso di mancato pagamento di stipendi, ritenute Irpef e contributi Inps di alcune mensilità sino a quella di dicembre, la società viene esclusa dal campionato di competenza.

Risultati annullati: In caso di esclusione dal campionato, tutte le partite disputate non avranno valore di classifica.

Divieto di tesseramento: Dalla prossima stagione sportiva verrà vietato il tesseramento di calciatori a tutti i club che, alle scadenze federali, non avranno saldato stipendi, contributi e ritenute. Il blocco, disposto dalla Covisoc, sarà rimosso in caso di pagamento.

Retrocessione per recidiva: Introdotte retrocessione, esclusione dal campionato o non assegnazione del titolo, in casi particolarmente gravi o recidivi di inadempienze da parte dei club per ammende o somme decise dai collegi arbitrali.

Aumento delle garanzie: In relazione ai criteri di iscrizione, sono stati abbreviati i termini per la presentazione delle domande e le delibere del Consiglio Federale, è stata innalzata la soglia dell’indicatore di Liquidità dei club: in sostanza le società dovranno dimostrare di avere solidità e disponibilità finanziaria maggiore rispetto al passato.

Commenti

Esposito: "Girone C, questo è un campionato falsato per via della situazione del Matera: noi penalizzati"
Porte aperte per il futuro: i tifosi del Bue pronti ad avere le giuste risposte