Gli Azzurri

Nazionale, parla Mancini: "Possiamo fare qualcosa di diverso come fece Sacchi. Obiettivo Euro 2020, poi si pensa al Qatar. Primi mesi? Morale sotto i tacchi, non è stato facile rialzarsi"

Redazione TuttoMatera.com
05.12.2018 10:28

Il ct degli azzurri Roberto Mancini, foto: Figc.it

"Non lavoro per preparare un'Italia competitiva ai Mondiali in Qatar: noi dobbiamo essere pronti per gli Europei e andare lì per vincerli". Idee chiare quelle del ct Roberto Mancini che fissa gli obiettivi a medio-lungo termine della sua Italia che da marzo sarà impegnata nelle qualificazioni per l’europeo del 2020.

In questi primi mesi, la fiducia verso gli azzurri è andata sempre più in crescendo. Complice il lavoro del neo ct che nel primo periodo ha trovato una serie di difficoltà. Il percorso, però, adesso è tracciato. E lo stesso Mancini, continua: "Abbiamo intrapreso la strada giusta e credo sia logico continuare a puntare sui giovani. Non abbiamo i fuoriclasse che abbiamo avuto in Italia per decenni e quindi dobbiamo portare sui ragazzi più giovani che hanno qualità, ma non ancora esperienza. Possiamo fare qualcosa di diverso come ha fatto in passato Arrigo Sacchi: ci vuole tempo, ma siamo sulla buona strada".

Infine, Mancini conclude: "La cosa più difficile dei miei primi mesi da ct era superare la delusione enorme per la mancata qualificazione al Mondiale. Aver cercato di tirare su il morale a tutto l'ambiente è stata la cosa meno semplice da fare, ma devo dire che ho trovato aiuto da parte di tutti fin dal primo giorno. Le prestazioni e i miglioramenti che ci sono stati in questi tempi ci hanno dato una mano".

Commenti

Under 21, Mancini apre a Di Biagio: il messaggio in vista dell'europeo di giugno: azzurrini competitivi per puntare in alto
Girone C, altro recupero - Vietato sbagliare per Viterbese e Bisceglie: punti in palio per mettere le distanze con la zona rossa. Le ultime