Serie C News

Seconde squadre, il pensiero di Paratici: "Un grande passo avanti per tutto il sistema. Fatto poco in questi anni, ecco cosa serve"

Redazione TuttoMatera.com
13.02.2019 13:15

Fabio Paratici ds della Juventus, foto: Fonte Web

"Quello delle seconde squadre è stato un grande passo avanti per tutto il sistema del calcio italiano. Pertanto, non capisco perché ora si cerca di mettere questo progetto in discussione". Sono le parole di Fabio Paratici, neo direttore sportivo della Juventus che tocca un argomento molto importante: quello relativo alle seconde squadre.

Un tema che in Serie C sarà approfondito nelle prossime settimane, visto che Gravina e Ghirelli vogliono vederci chiaro. E nella lunga intervista rilasciata a La Gazzetta dello Sport, il ds Paratici è chiaro: "Si può fare tutto, basta che poi non ci raccontiamo che il movimento calcio in Italia cresca, perché stiamo dicendo balle da quindici anni. Abbiamo fatto poco, abbiamo riformato poco. Le secondo squadre sono quindici anni che esistono in tutti gli altri Paesi europei, dove il calcio si è evoluto".

Sul perché i giovani giocatori italiani non riescono a crescere, sembra che il ds Fabio Paratici abbia già una risposta precisa: "Dobbiamo smetterla di dire che in Italia non crescono più giocatori perché c’è la Play Station. Ho sempre avuto collaboratori spagnoli o olandesi che mi chiedevano come mai in Italia non crescevano più giocatori, sostenendo il fatto che la Play Station c’era anche da loro".

Fabio Paratici, poi, conclude: "L’Italia sarà sempre un paese di calcio, ce lo abbiamo nel dna. Poi, siccome la formazione determina quello che tu sei, è tutta la filiera che va curata. Per far giocare i ragazzi a livelli adeguati alla loro crescita sportiva e umana".

Commenti

Olimpia Matera, al lavoro in vista del match di Napoli: e si pensa ad un recupero
DIRETTA GIRONE C - Segui il livescore su TuttoMatera.com della ventiseiesima giornata di campionato