Serie A

SERIE A - Juventus, l'addio di Allegri: "Decisione del club dopo una serie di valutazioni". E Agnelli chiaro: "Ciclo finito ma scelta dolorosa"

Redazione TuttoMatera.com
18.05.2019 17:05

Una fase della conferenza stampa di quest'oggi, foto: Juventus.com

"Sicuramente si tratta della decisione più sofferta che ho preso da presidente del club. Quando pensavo di andare avanti con Allegri dopo l’Ajax era un pensiero sincero, poi sono seguite delle valutazioni, perché sapevo di dover prendere la giusta decisione". Sono le parole di Andrea Agnelli, presidente dei bianconeri nella conferenza stampa dei valuti di Allegri alla Juventus.

Il discorso introduttivo del massimo dirigente bianconero, però, è stata davvero chiaro: dal ringraziamento al tecnico dei cinque scudetti consecutivi, al respingere ogni discorso relativo al futuro tecnico bianconero. E la parola, poi, passa ad Allegri: "Quando ci siamo visti con la società abbiamo espresso i nostri pensieri sul futuro della Juventus, io ho dato il mio parere e la società ha deciso che l'allenatore non fossi più io. Non è vero che avevo chiesto anni di contratto e giocatori, a questo non ci eravamo neanche arrivati. Una sera sono stato a cena a casa del presidente, mi avevate seguito ma non mi avete trovato, poi due giorni fa ci siamo visti con Nedved e Paratici. Alla fine Agnelli, da decisionista qual è, ha deciso che non potevo più rimanere".

Se del futuro della panchina bianconera, il presidente Agnelli non ha nessuna voglia di affrontare il discorso, quello dell’ormai ex tecnico della Juventus sarà un argomento di assoluta attualità: "Non so ancora niente, vedremo. Una pausa può farmi anche bene. Dopo il 15 luglio magari mi tornerà la voglia di lavorare. Valuterò quello che mi verrà proposto, sennò mi dedicherò a me stesso, ai miei figli e alla mia compagna".

SERIE B - Primo match play off: Moncini ribalta lo Spezia e porta il Cittadella in semifinale. Ora c'è il Benevento
PLAY OUT - Girone C, il primo round è della Paganese: Bisceglie ko, al Torre la decide Scarpa. La cronaca