Calcio News

Champions League, Atletico Madrid-Juventus 2-0: Bianconeri prima opachi, poi inesistenti e Simeone si prende il primo round. La cronaca

Redazione TuttoMatera.com
21.02.2019 00:03

Una fase di Atletico Madrid-Juventus, foto: Fonte Web

Un secondo tempo a dir poco orribile, fa uscire la Juventus sconfitta dal Wanda Metropolitano. Esulta Diego Simeone e la sua squadra semplicemente perfetta a sfruttare i momenti giusti per colpire una Juventus irriconoscibile nel secondo tempo: prima Gimenez, poi Godin condannato i bianconeri ad un ko meritato.

Perché i primi quarantacinque minuti sono tutto sommato equilibrati. I bianconeri partono male, soffrono il pressing dell’Atletico Madrid che impatta al meglio. A farla da padrone sono i calci piazzati. Ci prova subito Cristiano Ronaldo: ma Oblak compie il miracolo. Qualche minuto dopo risponde Griezmann: il canovaccio non cambia e per vedere le vere emozioni serve il secondo tempo. È qui che la Juventus sembra rimanere negli spogliatoi. L’Atletico Madrid aumenta i decibel del proprio attacco, e complici alcuni strafalcioni della difesa bianconera fanno davvero paura. Ci prova subito Diego Costa che brucia Bonucci e si divora clamorosamente la rete del vantaggio. Qualche minuto dopo, De Sciglio nell’evitare Griezmann per poco non compie un pasticcio: la salvezza salva i bianconeri.

L’Atletico Madrid la sblocca con Morata ma il Var annulla tutto. Episodio che non scuote la Juventus, come la rete del vero svantaggio. Perché Gimenez approfitta di un corner e stampa in rete. La squadra di Allegri accusa il colpo, non riesce a rispondere e subisce il raddoppio: Godin beffa tutti realizzando il due a zero. Juventus che ci prova solo nel finale: Bernardeschi e Cristiano Ronaldo, però, non trovano quella rete fondamentale in vista del ritorno. Il ritorno è in salita, ma non è ancora finita.

Commenti

Europa League, nessuna rimonta per la Lazio: tanta rabbia e il Siviglia vince il secondo round
Champions League, Schalke 04-Manchester City 2-3: Prima il Var permette la rimonta ai tedeschi, ma gli inglesi nel finale ribaltano tutto. La cronaca