Le Altre

Bisceglie, si vede la luce in fondo al tunnel: svolta nel club e caccia al nuovo tecnico

Redazione TuttoMatera.com
07.09.2018 15:35

La maglia del Bisceglie, foto: Fonte Web

Dopo un’estate tormentata, si vede finalmente la luce in fondo al tunnel. Il Bisceglie, infatti, è ad un passo da nuove forze in società. Il preavviso di questa svolta, lo abbiamo visto negli ultimi giorni, dopo che i neroazzurri hanno cominciato a tesserare giocatori, cercando di far partire un nuovo progetto.

E così sarà. Secondo quanto riportato dall’edizione di Puglia e Basilicata de La Gazzetta dello Sport, sembra che il patron Nicola Canonico abbia deciso di prendere la decisione di vendere. Il proprietario, lascerebbe il 49 per cento delle quote sociali. L’imprenditore di Palo del Colle, però, resterebbe in possesso del pacchetto di maggioranza, con in mano il 51 per cento. Invece, il 25 per cento sarà ceduto alla cordata biscegliese, e l’altro 24 per cento a quella guidata dall’avvocato Todaro. Canonico, però, non assumerebbe più l’incarico di presidente. Questo ruolo, infatti, potrebbe finire nelle mani dell’imprenditore Vincenzo Racanati. Il club si sta già muovendo sul mercato, cercando di trovare giocatori svincolati che possano essere utili alla causa neroazzurra.

Svolta anche in panchina. Carlo Prayer non sarà più il tecnico, ma potrebbe assumere un altro ruolo all’interno del club. Si era fatto il nome di Raffaele Di Napoli, anche se la pista non sembra essere così facile. I pugliesi hanno fatto anche il tentativo di arrivare a Ciro Ginestra. L’ex Team Altamura, dopo le dimissioni rassegnate a fine luglio non sembra essere intenzionato a tornare sui suoi passi. Nelle ultime ore, invece, è spuntata la suggestione che porta ad Alberto Cavasin: accetterà l’ex Sampdoria? E intanto il club continua a lavorare. Ad una settimana dall’inizio del campionato, le cose da fare sono davvero tante.

Commenti

Gravina: "Fiducia nel rispetto delle regole. Lega Pro coerente fino in fondo"
Matera, si pensa al futuro: Andrisani e Ripoli si giocano una grande carta adesso. La situazione