Serie C News

Gravina: "Iscrizioni, adesso è il momento. Cambieremo alcune cose, fatta già richiesta"

Redazione TuttoMatera.com
03.07.2018 11:43

Il presidente della Lega Pro Gabriele Gravina, foto: Fonte Web

"Bisogna distinguere tra domanda d’iscrizione e iscrizione, perché si tratta di due momenti diversi. Sono pervenute 59 domande, ma fra queste ci sono alcune situazioni molto critiche. Erano note, ma credo che non siano tantissime rispetto a quanto ipotizzavamo alla vigilia". A fare il punto della situazione è Gabriele Gravina, in una lunghissima intervista a TuttoC.com, in cui analizza diversi temi. Il presidente della Lega Pro, parla della situazione inerente alla Lega Pro e comincia a mettere diversi paletti, soprattutto, in ottica futura: "Non è possibile pensare che alcune società completino il percorso di iscrizione in un secondo momento, attraverso un ricorso. In questo modo, non si riesce a programmare il futuro. Certi documenti devono essere indifferibili. Infatti, se il 30 giugno bisogna presentare la fidejussione, bisogna presentarla in quella data e basta. Non il 12 luglio, o addirittura dopo. Su questo, abbiamo richiesto una modifica di alcuni parti delle Noif". La programmazione della Serie 2018-19 è ormai in cantiere. Il tutto, però, passerà anche dai ripescaggi e dalle seconde squadre: "Su questo non so se ci sono dei club interessati. Non so, però, se abbiamo risolto il problema delle seconde squadre o del calcio italiano. È una domanda che mi pongo. Non sono contro le seconde squadre perché sono una mia creatura. Però, vedo che questa viene puntualmente mortificata da tempistiche e scelte che non condivido. Cavese e Como ripescati? Hanno dimostrato grande interesse verso la Serie C. Però, in mezzo a questi due club c’è una graduatoria, il Prato e due seconde squadre. Infine, bisogna capire quanti saranno i posti disponibili".

Commenti

Buongiorno Mercato - Trapani, si pensa ad un ritorno. Reggina, diverse operazioni concluse. Rende-Vibonese, duello per un portiere. Virtus, sfuma una punta?
Girone C, la mappa delle panchine: tante caselle vuote. In pochi hanno scelto: il punto della situazione