Primo Piano

MATERA - La coppia De Ruggieri-Tragni in che maniera ha intenzione di salvare la situazione?

Roberto Chito
20.07.2019 19:10

De Ruggieri e Tragni, FOTO: TUTTOMATERA.COM

Silenzio. Silenzio più assoluto. Dalle parti di Palazzo di Città regna il mutismo. Cosa ha in mente di fare l’amministrazione comunale per poter salvare il calcio a Matera? Al momento, il quadro della situazione non è assolutamente chiaro. L’assessore allo sport Giuseppe Tragni che non ha mai dato fiducia, continua a non rispondere.

Le uniche parole le ha espresse in conferenza stampa, quando ha dichiarato che avrebbe ricominciato a parlare con quei soggetti che avevano manifestato interesse fino a quel momento. Peccato che da mercoledì ad oggi, non si è mosso nulla e che la scadenza del prossimo 29 luglio è ormai imminente. A proposito di questa, come mai l’amministrazione comunale non l’ha ufficializzata come è stato fatto in altre Città? Possibile che la Figc, solamente al Comune di Matera non ha inviato la pec con tutto il necessario per poter formalizzare l’iscrizione in soprannumero alla Serie D? Scenario al quale difficilmente crediamo che mette spalle al muro un amministrazione comunale che quattro giorni dopo la conferenza stampa proclamata di punto in bianco in Comune, non sembra aver mosso un solo dito per poter mettere in campo un piano per salvare il calcio.

Purtroppo, quanto fatto finora non ha avuto i giusti risultati. E la mancata presenza del sindaco Raffaello De Ruggieri ai vari incontri con gli imprenditori hanno creato molti punti interrogativi. Perché in questo momento, quanto fatto dall’assessore allo sport Giuseppe Tragni si è verificato infruttuoso. Peccato che Matera ha avuto cinque mesi di tempo per poter ripartire e fare le cose per bene. Dunque, per i tifosi materani dopo la coltellata al cuore avuta il 13 febbraio con l’esclusione dalla Serie C, sta per arrivarne una seconda. E questa, ovviamente è molto più dolorosa.

Possibile che da mercoledì ad oggi, la coppia De Ruggieri-Tragni non è riuscita a mettere in campo nessuna iniziativa per poter cercare di salvare la situazione in extremis? Il troppo silenzio, avuto in questi mesi non ha mai dato la sensazione di portare a qualcosa di buono. La scusa del poco interesse non sembra più essere una giustificazione accettabile. Il problema è che la scadenza del 29 luglio si avvicina, anche se il Comune di questo non sembra sapere nulla. Matera, ancora una volta sta per perdere un’altra grande occasione di ripartenza.

BASKET - Olimpia Matera, parla Buono: "Convinto che potremmo far ancora meglio"
FUTASL - Futura Matera, un mercato sempre più in fermento: due addii importanti, un colpo e diverse riconferme. La situazione