Calcio Mercato

UFFICIALE - C'è la prima partenza in casa Matera: un terzino saluta

Roberto Chito
16.01.2019 21:21

Il terzino sinistro Antonio Sepe, foto: Sandro Veglia

Dal biancoazzurro al rossoblu. Questa sera, il Potenza ha ufficializzato l’arrivo del terzino sinistro Antonio Sepe, che dunque lascia il Matera e sposa il progetto dell’altra squadra della Basilicata. Un accordo che era stato già trovato dal difensore uruguayano con il club rossoblu alla fine della scorsa settimana. Quest’oggi, dunque, è arrivata l’ufficialità: Sepe è un giocatore del Potenza.

A dare la comunicazione ci ha pensato proprio il club potentino. Il Matera, invece, non ha comunicato nulla. Da questa sera, dunque, il terzino sinistro uruguayano è a disposizione del tecnico Giuseppe Raffaele. Arriva il primo divorzio ufficiale con la società del presidente Rosario Lamberti. Anche perché, al momento, non si sa se ci sono state altre rescissioni visto che il club biancoazzurro non ha dato nessuna comunicazione. Nemmeno per quanto riguarda la cessione di Sepe che si è già allenato con il Potenza e ha firmato un contratto di un anno e mezzo. Dunque, fino a giugno 2020. Primo addio ufficiale in casa biancoazzurra per una sessione invernale di calcio mercato che non è ancora decollata ma che potrebbe vedere davvero tante partenze.

Perché al netto dell’affermazione di Lamberti, di non voler svincolare nessuno la domanda sorge spontanea: o il Potenza ha pagato il cartellino del giocatore, oppure il club biancoazzurro ha deciso di accontentare l’uruguayano. Domande che si stanno ponendo anche i tifosi biancoazzurri. Nonostante ciò, l’ufficialità di Sepe a Potenza è arrivata. Dopo 15 presenze con il Matera, l’ex Akragas e Catanzaro ha deciso di percorrere la Basentana al contrario e sposare il progetto rossoblu.

Commenti

Dalla fidejussione alla squadra: Matera, il momento della verità e delle risposte è arrivato
Supercoppa Italiana, Juventus-Milan 1-0: Ci pensa Cristiano Ronaldo a regalare il primo trofeo ai bianconeri. Il sogno del Milan si ferma sulla traversa. La cronaca