L'Intervista

Plasmati: "Sensazioni che ritornano. Futuro? Penso a giocare ancora"

Redazione TuttoMatera.com
14.11.2018 15:00

L'attaccante Gianvito Plasmati, foto: Sandro Veglia

"Si tratta di un ritorno a vecchie sensazioni, legate ovviamente alla gioia del gol che mancava da troppo tempo. Una bella soddisfazione personale, valsa ancor di più perché ha regalato la vittoria al Matera. La storia insegna che il gol fine a se stesso conta ben poco". Gianvito Plasmati ritorna indietro di qualche giorno. Ritorna a quelle emozioni che lo hanno commosso e non poco nel post partita.

Al portiere GianlucaDiMarzio.com, il bomber della Città dei Sassi, poi, continua: "Il gol più bello è sempre l’ultimo. O, addirittura, il prossimo. Intanto, quello di sabato lo dedico a tutte quelle persone che mi sono rimaste vicine nel periodo in cui cullavo il sogno di ritornare a giocare a pallone, nonostante si credesse fossi un giocatore finito. Il gol di sabato, però, lo dedico soprattutto ai miei due nipotini di 5 e 8 anni. Loro, per la prima volta mi sono venuti a vedere dal vivo. Numero di maglia? Ho scelto il 23 perché rappresenta la sorte, e dovrebbe portare bene. Si tratta di un numero indossato da molti personaggi importanti".

Sul futuro, Plasmati afferma: "Ho imparato a vivere alla giornata. I sogni li ho. Diversamente non avrei mai realizzato il sogno di giocare in Serie A. Per adesso penso al Matera e alla Serie C, perché in questa categoria entrambi possiamo starci bene. Non so ancora se vorrò rimanere nel mondo del calcio. Oggi, si tratta di un ambiente strano, e quando smetterò di giocare, ovviamente spero fra tanti anni, farò calcio solo se potrò farlo in maniera seria".

Commenti

UFFICIALE - Paganese, nessuna sorpresa: ecco il nuovo tecnico degli azzurrostellati. A lui il compito di un altro miracolo
UFFICIALE - La Lega Pro ha deciso: per Matera-Catania cambia tutto