Serie C News

LEGA PRO - Ghirelli lancia la svolta: "Così cambiamo il sistema delle liste dei giovani"

Redazione TuttoMatera.com
16.04.2019 09:25

Il presidente Francesco Ghirelli, foto: Fonte Web

"Dobbiamo pensare ad un progetto unitario, a partire dall’attuale sistema delle liste che impone limitazioni di età e che è stato più volte modificato nel corso degli anni ma non ha portato risultati apprezzabili: né in ordine alla crescita di giovani talenti, né allo sviluppo dei nostri settori giovanili, né alla sostenibilità economico-finanziaria della categoria". Sono le parole di Francesco Ghirelli, presidente della Lega Pro.

Un progetto nuovo, che dalla stagione 2019-20 sarà completamente rivoluzionato. Perché anche in terza serie servono certezze e Ghirelli ha proposto la svolta: "Per arrivarci ci vuole un atto di coraggio partendo da un presupposto: non deve esserci nessuna limitazione di età ma l’introduzione di una lista con un massimo complessivo di sei calciatori per ogni club, il cui tesseramento sia a titolo di cessione o trasferimento temporaneo da parte di società di A e B una soglia di minutaggio minima e una massima per ogni gara per l’accesso alla contribuzione. Questo cambiamento radicale va incontro alle varie esigenze dei club. Chi investirà nella rosa dei calciatori senza impegnarsi nello sviluppo della mission non avrà diritto alla contribuzione legata al minutaggio, mentre chi investirà sui giovani, facendo giocare i propri, e un numero selezionato di calciatori prestati dalle serie maggiori, si vedrà riconosciuta una contribuzione più consistente".

Ghirelli, poi, prosegue: "Con questa scelta teniamo unita la Lega Pro con la sua diversità che è una peculiarità e una ricchezza. Ci sono squadre che considerano la nostra Lega come un passaggio per la Serie B e altre, che sono lo zoccolo duro, che restano e sviluppano la politica dei giovani puntando su di loro. Le risorse sono necessarie per realizzare la mission della Lega Pro e poter essere la Lega dei pulmini, della formazione e del territorio a tutti gli effetti. Le società valuteranno in questi mesi eventuali azioni da porre in essere, prima dell’inizio della prossima stagione, qualora le risorse necessarie ad attuare compiutamente la mission giovani non venissero loro riconosciute".

Commenti

SERIE A - Inter e Roma beffate? Conte tentato da una nuova esperienza all'estero: ecco chi lo cerca
MATERA - Dal Comune si aspetta l'assist decisivo. Il tempo scorre senza novità: ecco il peggior rischio