Gli Azzurri

Nazionale, il ct Mancini: "I pochi italiani sono un problema. I singoli? Importante giocare"

Redazione TuttoMatera.com
29.08.2018 00:40

Il ct Roberto Mancini, foto: Fonte Web

"Ci sono pochi italiani in campo e questo è effettivamente un problema, spero che riescano a giocare di più perché ci sono elementi con qualità enormi, anche se adesso ci mancano calciatori come Baggio o Totti". A dichiararlo è Roberto Mancini, il ct della Nazionale che a Radio Deejay ha fatto il punto della situazione.

Mancini, poi, parla anche dei singoli. Infatti, ci sono dei giocatori che sono davvero importanti per quanto riguarda questo nuovo corso azzurro: "Bernardeschi ha qualità enormi, alla Juventus è migliorato anche sotto il punto di vista della personalità. Jorginho ha fatto benissimo al Napoli, giocare al Chelsea lo migliorerà. Balotelli? C'erano chance che andasse al Marsiglia, per Mario è importante giocare".

Dopo la Polonia, per gli azzurri, c’è il Portogallo di Cristiano Ronaldo: "È un peccato che sia arrivato solo ora in Italia, avrebbe potuto farlo 15 anni fa quando era allo Sporting quando tutti i migliori volevano la Serie A. Certamente, anche adesso, alza la qualità del campionato".

Commenti

Nazionale, verso Polonia e Portogallo. Il programma degli azzurri
Buongiorno Mercato - Catanzaro, individuato l'attaccante. Catania, adesso si pensa alle uscite. Virtus, rebus difensore e il Monopoli prova l'assalto alla punta