Basket

ESCLUSIVA - Dip: "Adesso arriva il momento difficile. Coppa Italia? Ecco cose si fa per vincere"

Roberto Chito
09.01.2020 17:20

Il cestista Marcelo Dip, FOTO: ROBERTO LINZALONE-OLIMPIAMATERA.IT

“Quello della Coppa Italia è il primo dei tre obiettivi che mi sono prefissato di raggiungere a Matera. Vediamo come vanno le cose. Siamo contenti di aver chiuso la prima parte di campionato fra le prime due, anche se secondo me potevamo essere anche primi senza qualche passo falso commesso all’inizio”. Sono le parole di Marcelo Dip, centro argentino che intervistato in esclusiva da TuttoMatera.com analizza il momento dell’Olimpia Matera che proprio domenica scorsa ha raggiunto il primo traguardo di questa stagione.

SUL MOMENTO: “Dopo l’avvio balbettante ci siamo ripresi nel migliore dei modi fino a raggiungere una posizione migliore che occupiamo attualmente. Posizione che dobbiamo assolutamente mantenere, anche perchè non sarebbe bello arrivare in Coppa Italia da quinti o sesti, rispetto al secondo posto appena raggiunto. Bisogna cercare di mantenere questo trend”.

SULLA COPPA ITALIA: “Ne ho giocate tante: credo nove, ho perso il conto. Ma ne ho vinta solo una, perdendo diverse finali. Per giocarle bisogna essere spensierati, perchè sono partite secche. Non c’entra niente il campionato, anche perchè si tratta di sfide secche”.

SULLE POSSIBILITÀ: “Puntare a vincere un campionato è molto più difficile rispetto a provarci in Coppa Italia, visto che è diverso il numero delle squadre che devi affrontare. Penso che giocare le finali in qualsiasi competizione fa esperienza. Si tratta di una possibilità unica che ci troviamo di fronte visto che possiamo conquistare un trofeo. Per questo, dovremo dare il massimo”.

SULLE DIFFICOLTÀ: “Si gioca ogni 20 ore, ci sono degli orari assurdi. Conta anche questo. Bisognerà recuperare subito. Però, quando affronti queste competizioni e vinci la prima partita, il resto viene da sè e hai più chance di trovarti in finale”.

SUL GIRONE D’ANDATA: “Meglio di così non poteva andare, anche perchè abbiamo battuto due squadre forti come Salerno e Palestrina. Sapevamo dall’inizio che giocare in casa ci poteva dare quel qualcosa in più. Purtroppo, in trasferta abbiamo pagato qualcosa sui campi pugliesi dove nel finale abbiamo perso le partite. Poi, alla lunga ci siamo ripresi. Siamo stati bravi ad inanellare un filotto di vittorie”.

SUL PROSIEGUO: “Siamo secondi ad un punto da Palestrina, siamo contenti di questo. Però, devo dire che bisogna dimenticare tutto adesso. Ci aspetta un girone di ritorno che si prennuncia decisivo visto che è quello che poi va a determinare la griglia play off. Dobbiamo mantenere questa posizione perchè ti permette di giocare il maggior numero di partite in casa. Sappiamo che non sarà facile mantenerla visto che avremo delle partite difficili, soprattutto fuori casa. Noi, però, daremo il massimo per mantenerla”.

SU COSA SERVE: “Bisogna ricominciare da zero e restare umili. Non dobbiamo assolutamente montarci la testa perchè non abbiamo vinto niente. Ora bisogna capire come reagiremo nell’affrontare gli avversari, perchè adesso tutti ci vorranno battere”.

SULLE CONSAPEVOLEZZE: “Credo che più che svolta nei risultati sia arrivata dal punto di vista mentale. All’inizio non avevamo tutta questa consapevolezza di poter essere una squadra d’alta classifica. Credo che anche per questo non abbiamo ottenuto subito dei risultati. Però, abbiamo sempre lavorato e lo staff-tecnico tecnico è stato bravissimo a tenerci sempre tutti sul pezzo. Non siamo un gruppo molto esperto ed è normale che qualcosa la paghi. Però, abbiamo lavorato per migliorare e siamo arrivati a raggiungere questo importante risultato.”.

SU FORMIA: “Bisogna tornare ad essere subito sul pezzo. Ci aspetta una partita che sarà molto difficile. Ci sono anche le squadre che lottano per non retrocedere e che vogliono allontanarsi dalla zona rossa che cercheranno di metterci in difficoltà per far punti. Nessuno ti regala niente: ora il campionato diventa più difficile”.

SUL GIRONE DI RITORNO: “Mi aspetto partite difficili, di più del girone d’andata. Anche perchè dovremo andare a giocare sui campi di Salerno e Palestrina. Dobbiamo avere la consapevolezza di andare a vincere su ogni campo, per andare ad affrontare queste partite con più tranquillità per avere maggiori chance di fare il colpaccio. In questo modo trasferisci la pressione agli altri. Dobbiamo raccogliere più punti possibili, soprattutto nel periodo gennaio-marzo, per poi cominciare a fare qualche calcolo per arrivare nella maniere migliore ai play off”.

CALCIO LUCANO - Picerno, altro innesto: dalla Pro Vercelli arriva un giovanissimo attaccante
PROMOZIONE - Elettra Marconia, è ufficiale: nuovo tecnico per i rossoblu. Arriva un trainer con tanta esperienza