Primo Piano

MATERA - Benedetto al bivio: se vuole far ripartire il calcio anche lui sa cosa deve fare adesso

Roberto Chito
18.07.2019 10:10

Nicola Benedetto, FOTO: FONTE WEB

Da febbraio si è sempre manifestato interessato e disponibile a far ripartire il calcio materano, ma al momento manca il passo decisivo. Quale? Presentare la manifestazione d’interesse al Comune. È l’unico atto che serve per poter far tramutare le proprie intenzioni in atti concreti. Parliamo dell’imprenditore Nicola Benedetto che in tutto questo periodo si è sempre manifestato pronto, intenzionato alla causa del calcio materano.

Certo, i problemi non sono mancati perché il bernaldese ha più volte ribadito che vuole un aiuto per i 300 mila euro a fondo perduto. Peccato che per poter far calcio e presentare quantomeno un piano triennale alla Figc, di soldi ne servono molto di più. Purtroppo, da non appassionato di calcio, Benedetto probabilmente non conosce tutti questi aspetti. Fatto sta che il tanto tempo a disposizione sta terminando anche per lui, che al momento è vicino ad un bivio: fare il passo, oppure no? Se le parole hanno un peso e una logica, tutto lascia presupporre che Nicola Benedetto farà il passo decisivo per far ripartire il Matera dalla Serie D. Ovviamente, è difficile stare nella testa dell’imprenditore lucano e capire come mai, se come ha sempre detto in questi mesi ha voglia di fare calcio, non ha presentato la manifestazione d’interesse entro il 14 giugno?

Purtroppo, le regole le fa la Figc e non l’amministrazione comunale che purtroppo non può dare nessun aiuto per quanto riguarda il fondo perduto. Questi 300 mila euro, poi, potrebbero essere recuperati a lungo andare con sponsor e abbonamenti. Perché in questo momento c’è da ricostruire una passione e un calore che va via via sempre più scemando. Questa situazione che si sta protraendo non di certo aiuta la ripartenza. Nicola Benedetto, dopo essere stato vicino più volte ad acquisire il Matera, adesso è chiamato a chiarire la sua posizione. Oggi, non ci sono più scuse di debiti nascosti o altro. Oggi, si riparte da zero con un nuovo titolo sportivo e solamente 300 mila euro da versare alla Figc per la nuova affiliazione. Molti di più, però, ne dovranno essere versati per poter avviare il progetto sportivo.

Questo deve avere come minimo una durata triennale. Un progetto che tarda a partire e che sta suscitando diversi dubbi nei tifosi materani, i quali quasi due settimane fa, incontrando l’imprenditore nativo di Pisticci erano stati rassicurati. Il problema è che i fatti non stanno corrispondendo alle parole. E per fatti, si intende la presentazione della manifestazione d’interesse. Perché oggi non basta più dichiararsi interessati. Oggi, bisogna parlare con i fatti, facendo ripartire il nuovo progetto. E allora, la domanda sorge spontanea: Nicola Benedetto, ha davvero la reale intenzione di far ripartire il calcio a Matera? Se è come dice lui, sa bene cosa fare e chiudere la partita nel breve tempo.

EDITORIALE - Matera, dopo cinque mesi è tutto qui? Adesso è davvero troppo
MATERA - I tifosi lanciano un messaggio ad un imprenditore: "Mantieni la promessa"