Primo Piano

Sos infortuni: Matera, chi recupera per Catanzaro? La situazione attuale

Roberto Chito
12.10.2017 12:34

L'esterno offensivo Francisco Sartore, foto: Sandro Veglia - MateraCalcioStory.it

In queste ore, si sta facendo la conta dei giocatori arruolabili. Su quali pedine, il tecnico Auteri potrà contare in vista della trasferta di Catanzaro? Al momento, è difficile avere una risposta. Complice la situazione dell’infermeria, in casa biancoazzurra, l’emergenza è davvero tanta. A conti fatti, a due giorni dalla sfida del Ceravolo com’è la situazione dell’infermeria? Al momento, l’unico ad aver recuperato è il difensore Stendardo. Il centrale, assente dal match contro il Monopoli, già in Calabria sarà pronto a dare il proprio contributo. Insieme a lui, potrebbe esserci anche il compagno di reparto Di Sabatino. Finora una meteora per i biancoazzurri. Ha passato più tempo in infermeria che sul campo d’allenamento. Anche per lui, però, la situazione sembra essersi ristabilita e già contro il Catanzaro potrebbe ritornare a disposizione. Cinque pedine, però, sono sicure di guardare il match contro i giallorossi in televisione. Out sarà il centrocampista Giuseppe Maimone, infortunatosi prima della sfida contro il Racing Fondi. Nulla da fare anche per lui. Dovrà stare fuori, ma non si sa per quanto tempo. Assenti, anche gli attaccanti Dungandzic, Corado, Sartore e soprattutto Dammacco. Cinque assenti certi, ai quali potrebbero aggiungersi anche il centrocampista Urso e l’esterno offensivo Strambelli. Dita incrociate quantomeno per questi due, con la speranza di poterli avere a disposizione già da sabato pomeriggio. Al momento, però, è davvero prematuro fare previsioni. In poche parole, Auteri, in mezzo al campo e in attacco, rischia di avere gli uomini davvero contati, vista la rosa decimata dalle assenze. Una situazione da monitorare attentamente, sperando che qualcuno, in extremis possa davvero recuperare.

Commenti

Serie C, ecco i cambiamenti di orario della nona giornata del Girone C
Scognamillo: "Peccato essere in pochi. Catanzaro? Ecco cosa faremo"