ITALIA - Parla il ct Mancini: "Questo il nostro principale obiettivo. I giovani? Lavoriamo in simbiosi con l'Under 21 su questo"

Redazione TuttoMatera.com
05.04.2019 21:30

Il ct Roberto Mancini, foto: Fonte Web

"Coraggio, talento e gioventù sono tre cose importanti che accompagnano la nostra squadra. Stiamo migliorando e ci fa piacere soprattutto che sia tornato l’entusiasmo intorno all’Italia, speriamo di farlo crescere ancora". Sono le parole del ct Roberto Mancini che fa un bilancio di questi primi mesi sulla panchina azzurra dopo i tanti segnali positivi arrivati nell’ultimo periodo.

Intervistato da Sky Sport, l’ex tecnico di Inter, Manchester City e Zenit, parla chiaro: "Il nostro credo è di puntare sui giovani. L’Under 21 ci aiuta in questo senso. Tonali lo abbiamo già portato con noi e ha futuro, ma adesso non possiamo portare via altri calciatori a Di Biagio che dovrà giocare l’Europeo in estate. Per questo, dopo le altre partite di qualificazione i giocatori che potranno giocare con l’Under 21 andranno a dare una mano in vista dell’europeo. In tutto questo dobbiamo parlare anche dei più anziani, che sono fondamentali per il gruppo. La scadenza è la qualificazione a Euro 2020, poi vedremo cosa succederà in vista del Mondiale del 2022, quando arriveranno anche altri giovani, li stiamo monitorando e gli bastano un paio di mesi per fare il salto di qualità".

Al momento però, l’obiettivo è l’europeo del 2020: "Alla fine ne dovremo chiamare ventitrè e qualcuno dovrà restare fuori. Adesso pensiamo solo all’Europeo, vogliamo qualificarci bene e poi vedremo cosa accadrà. L’Italia è un Paese dove il calcio è sempre al centro ed è difficile che non ci siano giocatori da convocare. Abbiamo fatto bene con il Portogallo campione d’Europa e per poco non abbiamo vinto, ci sono partite più semplici e altre più difficili ma se continueremo su questa strada ci toglieremo grandi soddisfazioni".

Commenti

GIRONE C - Verso la trentaquattresima giornata: cambiano alcuni orari in vista del prossimo weekend. Il programma
BERRETTI - Ultima sfida allo Scirea: per il Matera sfida proibitiva ma con voglia del secondo risultato utile