Primo Piano

Il Matera nel mirino di tutti: e il presidente Lamberti chiarisce

Roberto Chito
26.07.2018 16:32

La maglia del Matera, foto: Emanuele Taccardi

Ne succede davvero una al giorno. Le tante difficoltà della nuova proprietà biancoazzurra, aumentano con i grattacapi che di giorno in giorno non fanno altro che aumentare. La novità di oggi? La Guardia di Finanza, presso la sede dell’Avellino Calcio ha sequestrato alcune documentazioni relative ad alcuni movimenti degli ultimi mesi. E fra questi ci sono alcune fatture della Lps, società che ha acquisito il Matera.

Ovviamente, dopo le tante notizie negative che sono filtrate negli ultimi giorni, fra giocatori, Aic e società che presentano ricorso contro il Matera, ci mancava anche questa. Una faccenda che va a toccare da vicino la Lps, società che circa una decina di giorni fa ha acquisito il Matera Calcio da Saverio Columella e che nella giornata di domani formalizzerà il tutto. Sulla vicenda non si poteva che interpellare il presidente dei biancoazzurri Rosario Lamberti che ha chiarito il tutto: "La Lps è una società di servizi che lavora con società di calcio e tra queste c’è anche l’Avellino. Quello di oggi si tratta di un accertamento parallelo che ha come soggetto di indagine l’Us Avellino. Dimenticavo un dettaglio importante: l’indagine risale ad un anno fa".

Parole chiare quelle di Rosario Lamberti che risponde anche ad un'altra questione. Infatti, alla domanda sulla possibilità che questa vicenda possa intaccare il possibile cambio di proprietà che avverrà nella giornata di domani, il massimo dirigente biancoazzurro si lascia andare ad un "Ma stiamo scherzando?". Chiarezza come sempre, su ogni punto, anche perché la Lps non è coinvolta in prima persona ma c’è un indagine in atto. Ma questa situazione non ha nulla a che vedere con il Matera e il cambio di proprietà.

Commenti

La ripicca di Strambelli: L'ex Matera passa ad una storica rivale
Calcagno: "Matera, idee chiare. Nuova proprietà? Ecco cosa penso"