Basket

OLIMPIA MATERA - Roster al lavoro: programma intenso. Si lavora per le prime amichevoli

Roberto Chito
21.08.2019 18:00

L'allenamento dell'Olimpia Matera, FOTO: FONTE WEB

La nuova stagione dell’Olimpia Matera ha ufficialmente preso il via. Dopo il raduno di domenica scorsa in sede, cui hanno fatto seguito le visite mediche di rito, il roster biancazzurro ha cominciato la preparazione atletica, sotto la direzione di coach Agostino Origlio e del preparatore atletico Erio Albanese. Sei settimane di lavoro tecnico-tattico e fisico in palestra, accompagnate da un nutrito calendario di test amichevoli e tornei estivi in fase di calendarizzazione.

Amichevoli che porteranno all’avvio del campionato di Serie B di basket, in programma domenica 29 settembre, con esordio in casa alle 18.00 con il Formia. Il programma prevede una doppia seduta di allenamenti, che si svolgeranno a partire da questa sera al PalaWojtila di Montescaglioso, a causa dell’indisponibilità del palazzetto di via Lanera, dove sono in fase di ultimazione i lavori per l’omologazione del campo per il prossimo campionato. A tal proposito, il presidente dell’Olimpia Rocco Sassone e tutto il consiglio di amministrazione hanno espresso il loro più sentito ringraziamento al sindaco di Montescaglioso Vincenzo Zito e al vice sindaco Rocco Oliva per la grande disponibilità dimostrata ad ospitare la squadra materana nella moderna e bellissima struttura sportiva del centro montese.

Questa ospitalità era già accaduta per buona parte della preparazione atletica nella passata stagione agonistica. E, alla luce degli ottimi risultati sportivi conseguiti lo scorso anno, la società materana auspica che il lavoro nel palazzetto di Montescaglioso, unitamente alla competenza e alla passione del pubblico montese, possano essere da trampolino di lancio per una nuova stagione esaltante e ricca di successi.

OLIMPIA MATERA - Origlio: "Ecco qual è il nostro obiettivo. Palasassi? Diamo il massimo"
CITTÀ DEI SASSI - Il presidente Martoccia contro l'assessore allo sport Tragni: ecco il motivo