Primo Piano

MATERA - Tragni: "Matera, il calcio deve tornare. Ecco qual è la nostra speranza"

Roberto Chito
01.06.2019 17:53

Giuseppe Tragni, FOTO: TUTTOMATERA.COM - REDAZIONE

"Il mondo intero deve sapere che Matera vuole tornare nel calcio che conta. Proprio per questo abbiamo messo sul tavolo una serie di proposte da sottoporre al vaglio del Comune e di figure professionali che vivono e masticano calcio, riunendole in una commissione che sarà supportata dalla nostra". Sono le parole di Giuseppe Tragni, assessore allo sport del Comune di Matera durante la chiacchierata con il portale Senza Filtro che ha analizzato il caso dei biancoazzurri.

Tragni, poi, ripercorre i passi che hanno portato il calcio materano alla scomparsa: "Già la scorsa estate era stata densa di fibrillazioni. L’imprenditore Nicola Andrisani, con passione e cuore, era riuscito a salvaguardare l’iscrizione del club al campionato di Serie C. noi, abbiamo, per quelle che sono le competenze dell’amministrazione comunale, auspicato che qualche imprenditore locale si avvicinasse alla realtà biancoazzurra per dare una mano a questi ragazzi, cercando di far crescere qualcosa di più solido per il Matera. Purtroppo, la partecipazione della classe imprenditoriale è stata inferiore alle attese. Personalmente ho avuto il piacere di essere anche nella precedente giunta comunale, quindi nella fase di candidatura di Matera 2019. Quindi le aspettative di cittadini e amministrazione comunale sono state disattese".

Da qui, il passo per il futuro: "Richiamiamo l’articolo 52 delle Noif della Figc nel quale esiste la possibilità di ripartire da una categoria inferiore con una nuova società. In cuor nostro speriamo che il fatto di rappresentare Matera su una scala culturale così importante, possa riuscire ad attrarre imprenditori rilevanti e strutturati per la gestione del calcio materano".

ITALIA - Mancini è chiaro: "Due compiti nel momento cruciale. Doppia sfida? Probabilmente sono le più difficili"
SERIE C - Vicenza, gran colpo per la panchina: Rosso convince un'ex bandiera e infiamma il popolo biancorosso